Archivi categoria: Convegni

NAPOLI. Diagnosi conservazione e valorizzazione del Patrimonio Culturale.

Nel 3° Convegno si intende porre in evidenza sessioni tematiche emerse nell’ambito del  precedente convegno: La diagnosi delle statue lignee; I beni musicali e gli strumenti musicali; I problemi di sicurezza nel cantiere di restauro; Interventi regolatori per i materiali usati nel restauro; Trasferimento di competenze ed innovazione tecnologica.
Accanto a queste specifiche tematiche proseguiamo  l’analisi dell’utilità del concetto di diagnosi del Patrimonio Culturale, ed i modi della sua rappresentazione, come condizione necessaria alla sua valorizzazione.
La valorizzazione è l’unico strumento che consente di coniugare le diverse esigenze poste dalla tutela del nostro patrimonio Culturale. Una corretta diagnosi, seguita da una puntuale prognosi, consente alle complesse e costose operazioni necessarie per l’intervento, di valorizzare il nostro patrimonio Culturale.
Il mercato dei Beni Culturali è complesso e poco riducibile ad una semplificazione, si rivolge  ad una utenza e clientela di qualità  e necessita di un costante contributo di creatività, offerte, comunicazione, spin up, trasferimenti di competenza  e ricerca scientifica interdisciplinare  specifica e dedicata.
Noi lo percorriamo alla luce della filiera concettuale Diagnosi, Conservazione e Valorizzazione. E’ un convegno atipico che si fonda sulla discussione e sul confronto interdisciplinare per produrre sempre innovazione e idee che cerchiamo di cogliere e proporre nelle successive edizioni.
Nell’ultimo Convegno è emersa la necessità di  ridurre a zero i tempi dei trasferimenti di conoscenze necessarie a sostenere il settore collegando senza mediazioni  tutti i soggetti che hanno concrete competenze  ed interessi utili allo sviluppo del settore. Le scienze, in quanto produttrici di nuova conoscenza,  devono svolgere un ruolo fondamentale in questo processo  ricercando  nuove modalità di  comunicazione. Le aziende di restauro e di diagnostica, i dipartimenti con autonomia operativa, i produttori di apparecchiature di analisi in sito, i laboratori di miniaturizzazione delle tecnologie forniscono strumenti  per sostenere le nuove modalità degli appalti in attuazione della spesa pubblica ed hanno necessità di accedere in tempo reale a queste conoscenze  superando, fino ad annullarla, la barriera che li separa con dinamiche B2B.
Tra gli scopi che ci poniamo nella 3 Edizione è l’accorciamento dello spaziotempo  dei trasferimenti di conoscenza dal mondo della ricerca  al mondo delle imprese  favorendo l’incontro con il mondo dell’innovation  technology and communication per  innovare processi ed obiettivi, dare alle imprese un’occasione importante per collocare strategicamente brand e mission aziendale in un contesto operativo che tutt’ora soffre di assenza di orizzonti strategici.
Migliorare il rapporto tra macro e micro economia  per  vivere in un paese coerente con la sua storia è la filosofia che ispira  la nostra iniziativa tesa a creare uno spazio per  far incontrare aziende di restauro, diagnostica, apparecchiature  scientifiche, apparecchiature di diagnostica in cantiere, monitoraggio in cantiere dei flussi di produzione, aziende di comunicazione,   test in sito,  apparecchiature portatili
Tematiche del Convegno:
Multidisciplinarietà, interdisciplinarietà; nnovazione e trasferimento tecnologico; La qualità per la diagnosi del patrimonio culturale; Il quadro delle conoscenze preliminari alla conservazione; Il progetto per la valorizzazione; Analisi chimiche e microbiologiche, esami stratigrafici, Indagini e tecniche diagnostiche; Rappresentazione della diagnosi di un Bene Culturale; Caratterizzazione dei materiali impiegati e attività regolatorie; Cause dei meccanismi di degrado, la morfologia del degrado; Conformazione e configurazione processuale per la diagnosi; Scienza arte e realtà; Casi di studio.

Info:
Napoli 13 e 14 Dicembre  2012
NH Ambassador- Via Medina 70 – 80133 NAPOLI

Link: http://www.diagnosisculturalheritage.com/

LUCCA. VII edizione di Lu.Be.C. incontro internazionale dedicato alla filiera beni culturali–tecnologia–turismo.

Lucca, 20-22 ottobre 2011.

Progettualità, sviluppo, tecnologie e turismo.
Nel 2011 Lu.Be.C diventa grande, in un’edizione speciale per il 150° che vedrà a Lucca, grazie ad una partnership con il MiUR, il confronto di rappresentanti del mondo pubblico e privato provenienti dai beni culturali, istituzioni museali, parchi archeologici e città d’arte, centri di ricerca e poli di innovazione, tutti soggetti coinvolti nei dibattiti, nella rassegna espositiva e negli incontri B2B sullo sviluppo della filiera beni culturali-tecnologia-turismo.

TORINO. Convegno Internazionale di Studi MUSEI TORINO 2011. Da crisi a opportunità.

Torino, villa della Regina – 5-6 maggio 2011Come sono cambiati i musei torinesi?
E come cambieranno in futuro?
Questo il tema del convegno internazionale di studi che si terrà il 5 e il 6 maggio a Villa della Regina a Torino, realizzato dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, in collaborazione con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte.
Il convegno, a cura del Soprintendente Edith Gabrielli, prende le mosse da una semplice considerazione: il ruolo centrale che il Museo ha assunto per Torino negli ultimi anni.
L’organizzazione del convegno è affidata a Civita srl; la pubblicazione degli atti a Leo S. Olschki di Firenze.
Il convegno è a ingresso libero senza accredito.

Programma:

GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2011
 – Ore 9.30 Indirizzi di saluto e apertura del convegno
Mario Turetta, Direttore per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte
Edith Gabrielli, Soprintendente per i Beni Artistici, Storici ed Etnoantropologici del Piemonte
 – Ore 10.00 – Prima sessione: Identità e prospettive. Modera Marisa Dalai, “Sapienza” Università di Roma.
Krzysztof Pomian, École des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi, Museum’s present challenges
Paolo Carafa, “Sapienza” Università di Roma, Il Museo racconta: archeologia, città e territorio
Paolo Coen, Università della Calabria, Arcavacata di Rende (CS), I musei della Shoah ieri ed oggi, fra identità sottaciute e politiche di riparazione
 – Ore 11.00 Pausa per il caffè
Andrew McClellan, Tufts University, Medford (MA), Museum expansion in the 21st century: Abu Dhabi
Mario Epifani, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, Musei italiani e musei americani: il caso del Getty
Donata Pesenti, Fondazione Maria Adriana Prolo, Torino, Il Museo Nazionale del Cinema: una scommessa vinta.
 – Ore 13.00 Pausa per il pranzo
 – Ore 14.30 – Seconda sessione: Dal territorio al Museo, dal Museo al territorio. Modera  Bruno Toscano, Università Roma Tre
Daniele Lupo Jallà, Comune di Torino, Dal Museo al patrimonio, dall’accoglienza alla partecipazione
Sara Abram, Scuola Normale Superiore di Pisa, Per una mappa delle identità misconosciute: origini dei musei civici piemontesi
Gian Luca Kannes, Regione Piemonte, Architettura per i musei in Italia, dall’Unità agli anni del Fascismo
Lucetta Levi Momigliano, Fondo per l’Ambiente Italiano, Le proprietà piemontesi del Fondo Ambiente Italiano e la Convenzione del 1992 con la Soprintendenza per i Beni Storici e Artistici del Piemonte
 – Ore 16.00 Pausa per il caffè
Christa Clarke, Newark Museum, Newark (NJ), Art and Audience: Engaging Immigrant Communities at the Newark Museum, New Jersey
Giacomo Giacobini, Università degli Studi di Torino, Un nuovo polo museale torinese, il Palazzo degli Istituti Anatomici. Tutela e valorizzazione di collezioni storiche, comunicazione scientifica, educazione museale
 – Ore 17.30 Tavola della discussione. Partecipano:
Giovanna Cattaneo Incisa, Fondazione Torino Musei; Marcella Pralormo, Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli; Patrizia Picchi, Regione Piemonte; Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo; Alberto Vanelli, Consorzio La Venaria Reale
 – Ore 18.30 – Visita della mostra Palazzo Carignano. Gli appartamenti barocchi e la pittura del Legnanino
 – Ore 20.00 Cena

VENERDÌ 6 MAGGIO 2011
 – Ore 9.30 Indirizzi di saluto e riapertura dei lavori
Fiorenzo Alfieri, Assessore alla Cultura del Comune di Torino
Terza sessione: Il Museo nella storia e nell’odierna geografia culturale. Modera Enrico Castelnuovo, Scuola Normale Superiore di Pisa.
Marcello Tagliente, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, Progetti strategici di valorizzazione per il sistema museale statale.
Austeja Brasiunaite, Vilnius Art Academy, Rokiskis Manor: Lithuania’s Grand Duchy’s noble residence – region museum, from historical monument to heritage object (16th – 21st centuries)
Paola Nicita, “Sapienza” Università di Roma, Elogio delle gallerie nazionali. L’identità difficile ma vitale della Galleria d’Arte Antica di Roma
Paola Astrua, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, Per la storia della Galleria Sabauda: da Reale Galleria a Regia Pinacoteca Nazionale, dal Palazzo Madama al Palazzo dei Musei
 – Ore 11.00 Pausa per il caffè
Johann Kraeftner, The Liechtenstein Museum and of the Collections of the Prince of Liechtenstein, Vienna, The Liechtenstein Museum in Vienna, its history and its development
Maria Beatrice Failla, Università degli Studi di Torino, Storia delle collezioni e storia dell’arte. Ordinamenti museali in Italia tra gli anni Settanta e gli anni Novanta del Novecento: Firenze, Torino, Napoli
Pietro Petraroia, Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Musei e valorizzazione del patrimonio culturale: la sfida della gestione quotidiana nell’assenza di standard di qualità
Cristina Mossetti, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, Residenze e palazzi aperti al pubblico: quale identità? Il caso di Villa della Regina
 – Ore 13.00 Pausa per il pranzo
 – Ore 14.30 Visita al cantiere della cosiddetta Manica Nuova, futura sede della Galleria Sabauda
 – Ore 16.30 Conclusione dei lavori

Info:
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, Loris Gherra – T. 334 1124914 – 011 5220450
CIVITA – Barbara Izzo, Arianna Diana    
T. 06 692050220,  06 692050258 – 348 8535647 
E-mail: izzo@civita.it ; diana@civita.it      – http://www.civita.it

Email: loris.gherra@beniculturali.it

ROMA. Istituzioni culturali online: mostrarsi per essere viste.

Saranno presentati il 28 aprile 2011 a Roma i risultati del progetto europeo Athena, una ‘rete di buone pratiche’ all’interno del programma eContentplus, sviluppato a seguito del progetto MINERVA, finalizzato a sostenere la digitalizzazione del patrimonio culturale.

Il convegno “Istituzioni culturali online: mostrarsi per essere viste”, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) presso la Sala dello Stenditoio del Complesso del San Michele, rivolto a curatori museali, archivisti, bibliotecari, ed esperti coinvolti nei progetti di digitalizzazione, vedrà la partecipazione di relatori di fama internazionale.

L’appuntamento, con inizio dalle ore 9,30, prevede gli interventi del Direttore Generale per il paesaggio, le belli arti, l’architettura e l’arte contemporanee Antonia Pasqua Recchia, del Direttore Generale per le biblioteche, gli istituti culturali e il diritto d’autore Maurizio Fallace, del Direttore dell’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e coordinatore del progetto Athena Rossella Caffo.

Il Direttore della Directorate Digital Content and Cognitive System della Commissione Europea, Khalil Rouhana,  illustrerà le politiche dell’UE per lo sviluppo del patrimonio culturale digitale, poi lo statunitense Larry Johnson, del New Media Consortium sparking innovation, learning and creativity, presenterà gli interessanti risultati del 2010 Horizon Report: Museum Edition che identifica e descrive le sei tecnologie emergenti che potrebbero avere un impatto significativo sull’istruzione universitaria inerente i musei.

Nel corso del convegno verranno resi noti gli obiettivi raggiunti in termini di visibilità delle istituzioni attraverso il portale della cultura europea Europeana e verranno presi in esame i vari aspetti di cui le istituzioni culturali devono tener conto nei progetti interni di digitalizzazione e integrazione dei contenuti digitali in Europeana: dagli standard alle licenze, dal multilinguismo alle linee guida per la localizzazione geografica.
Verrà inoltre presentata la nuova rivista digitale “Uncommon culture”, prodotta nell’ambito di ATHENA, che ha l’obiettivo di dare visibilità alle istituzioni culturali e alle loro collezioni e illustrata la mostra virtuale “Un viaggio con gli dei: la dea Atena”, realizzata con i contenuti culturali delle istituzioni presenti su Europeana.
Al progetto Athena, coordinato dal Mibac, hanno aderito venti Stati dell’Unione europea, Israele, la Federazione Russa e decine di musei di grande rilievo e altre istituzioni culturali.

E’ prevista anche  una sessione parallela che ospiterà il workshop tecnico “Innovative services for education”, curato dall’Associazione europea MICHAEL Culture, nell’ambito delle attività di promozione dei risultati del progetto MINERVA e sui futuri sviluppi  dell’apprendimento creativo basato sulle nuove tecnologie.

Info:
Sede Convegno e workshop Ministero per i beni e le attività culturali – Complesso del San Michele -Sala dello Stenditoio – Via di San Michele 22 – 00153 Roma
Programma del convegno e Registration form / Modulo di registrazione;
http://www.athenaeurope.org/index.php?en/111/events/118/roma-athena-final-international-conference-cultural-institutions-online-only-those-who-show-themselves-will-be-seen-istituzioni-culturali-online-mostrarsi-per-essere-viste
Programma del workshop Registration form / Modulo di registrazione :
http://www.athenaeurope.org/index.php?en/111/events/121/michael-culture-association-international-workshop-innovative-services-for-education-servizi-innovativi-per-la-didattica
Segreteria Istituto centrale per il catalogo unico ( ICCU)  – Tel. 06 49210425-427

 

Link: http://www.athenaeurope.org

Email: info@athenaeurope.org

VENEZIA. Beni intangibili un patrimonio dell’umanità da salvare.

Si terrà alla Stazione Crociere di Venezia, Terminal 103, il 22 e 23 ottobre 2010, il convegno internazionale “The intangible cultural heritage: a world stage for the venetian traditions”. Organizzato dalla VTP Events, società interamente partecipata dalla Venezia Terminal Passeggeri S.p.A. gestore del Porto Passeggeri di Venezia, l’appuntamento, unico nel suo genere nel panorama degli eventi a livello locale, presenterà il patrimonio culturale intangibile nazionale e le relative politiche italiane di tutela e salvaguardia, anche al fine di promuovere una migliore conoscenza, comprensione, catalogazione e riconoscimento della ricchezza e varietà del patrimonio culturale intangibile veneziano.

In seno all’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco), è stata adottata nel 2003 la convenzione internazionale per la salvaguardia del patrimonio culturale intangibile (o immateriale, secondo il testo francese della convenzione) che ha per scopo il salvaguardare il patrimonio intangibile delle comunità, dei gruppi e degli individui interessati, un capitale particolarmente vulnerabile del processo identitario culturale.
Vi rientrano le tradizioni orali e popolari, l’arte dello spettacolo, le musiche, le feste, i rituali, l’artigianato, le pratiche sociali e tradizionali.

Beni intangibili, ma non per questo meno preziosi di quelli tangibili, che devono poter essere identificati come beni di interesse culturale dell’umanità e conseguentemente tutelati a livello nazionale e mondiale.

Per il momento sono iscritti in questa lista come beni “italiani” l’Opera dei Pupi Siciliani, un’arte teatrale unica nel panorama europeo, ed il Canto a Tenore dei Pastori del Centro della Sardegna in Barbagia, tra i più straordinari esempi di polifonia del Mediterraneo, per complessità, ricchezza timbrica e forza espressiva. Per l’anno in corso il nostro Paese in collaborazione con Marocco, Spagna e Grecia sostiene l’iscrizione nella lista della dieta mediterranea, modello nutrizionale ispirato alle abitudini alimentari dei Paesi di questo bacino.

Tre le sessioni del convegno:
 – la prima affronterà gli aspetti più strettamente giuridici della Convenzione Internazionale UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Intangibile, e vedrà l’intervento tra gli altri, di Francesco Francioni, Istituto Universitario Europeo, Firenze, Toshiyuki Kono, Università di Kyushu, Fukuoka, Cécile Duvelle, Capo della Sezione del Patrimonio Immateriale dell’Unesco e del Segretariato della Convenzione del 2003 sul patrimonio immateriale, Parigi.
 – la seconda verterà sulla ricchezza del patrimonio culturale intangibile nazionale ed in particolare veneziano (dalla Gondola alla lavorazione del Vetro di Murano, dai Merletti di Burano, al Carnevale Veneziano). Tra i relatori, Giovanni Puglisi, Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Rettore della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM, Milano; Pier Luigi Petrillo, Coordinatore del Gruppo di Lavoro UNESCO, Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
 – la terza sarà infine riservata alla dimensione interdisciplinare del patrimonio culturale immateriale con le relazioni di Francesco Bandarin, Direttore Generale dell’UNESCO per la Cultura, Parigi; Annette Kur, Istituto Max Planck per la Proprietà Intellettuale, la Concorrenza e il Diritto Tributario, Monaco di Baviera, Università di Stoccolma; e Tullio Scovazzi, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Milano

Il convegno ha ricevuto vari patrocini, tra cui quelli del Ministero per gli Affari Esteri, del Ministero per i Beni Culturali e le Attività Culturali, della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, del Comune di Venezia, della Provincia di Venezia, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, dell’Università di Milano-Bicocca, di Confindustria Venezia, di Confartigianato Venezia, dell’AIPPI (Associazione Internazionale per la Protezione della Proprietà Industriale), dell’Unione Triveneta dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati, del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Venezia e della Camera di Commercio di Venezia.

Info:
Sabino Cirulli – Ufficio Stampa V.T.P.
Tel. 349 2165175
ww.vtp.it

 

TORINO DNA Italia.

Il primo salone (dal 1 al 3 ottobre 2010) dedicato alle tecniche per la conoscenza, conservazione e gestione del patrimonio culturale.
Il momento espositivo di DNA Italia è integrato da un programma culturale realiz­zato in collaborazione con importanti realtà culturali e istituzioni operanti sul territorio regionale (Associazione Torino Città Capitale Europea, Fondazione Fitzcarraldo, Ordine degli Architetti della Provincia di Torino, etc.).

Il programma culturale di DNA Italia ospita incontri e workshop professionali nella cornice di Lingotto Fiere, oltre a manifestazioni, iniziative ed eventi collaterali previsti in sedi esterne nei giorni di apertura del Salone.

Venerdì 1 Ottobre

Ore 10 Convegno: Come la cultura può rigenerare il tessuto urbano nelle città post-post­moderne. Coordinamento a cura di: Severino Salvemini

Ore 10 Seminario: Safe + Security = Sviluppo? La sicurezza del patrimonio culturale: una emergenza nazionale che diviene occasione di sviluppo tecnologico?
Coordinamento a cura di: Ivan De Lettera

Ore 14.30 Seminario: Biblioteche oggi e domani: innovazione e tecnologia a servizio dell’utenza. Coordinamento a cura di: Fondazione Fitzcarraldo

Ore 14.30 Seminario: Un patrimonio in Classe A? Efficienza energetica e patrimonio culturale: una convivenza possibile? Coordinamento a cura di: Ivan de Lettera

Ore 14.30 Seminario: Smart Tech a cielo aperto? Il nostro patrimonio diventa il laboratorio tecnologico più innovativo. Coordinamento a cura di: Andrea Granelli, CNR e ENEA.

Ore 14.30 Seminario: Il giardino dei sentieri che si biforcano. Beni Culturali, Marketing Territoriale, Turismo e Innovazione: quali sinergie oggi? Coordinamento a cura di: Wireless

 
Sabato 2 Ottobre

Ore 10 Convegno: Surfing and Walking. I musei e le sfide del 2.000. Coordinamento a cura di: Fondazione Fitzcarraldo

Ore 14.30 Semi­nario: Anatomia dell’irrequietezza. Strategie per i Beni e i Contenuti Culturali nell’epoca dell’E(xperience)Customer. Coordinamento a cura di: Wireless

Ore 14.30 Seminario: “Advanced discussion “Futurize Your Heritage. Museum 2.000: instructions. Shelley Bernstein (Chief of Technology at the Brooklyn Museum, Brooklyn, NY, U.S.A.). Coordinamento a cura di: Fondazione Fitzcarraldo


Info:
Lingotto Fiere, dal 1 al 3 ottobre 2010.

Link: Http://www.dnaitalia.eu