Archivi categoria: Arte e informatica

ROMA: Premio per l’arte digitale 2005.

Il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo e la Fondazione Rosselli annunciano il vincitore del Premio per l’arte digitale 2005:

Christopher Joseph con l’opera Inanimate Alice ( http://www.inanimatealice.com )

Nato in Inghilterra nel 1973, Christopher Joseph vive e lavora a Montreal. Autore di video interattivi e lavori di web/visual poetry, ha partecipato a numerosi festivals e manifestazioni internazionali tra cui: “Seoul Net Festival”, Corea; “International Festival of Electronic Art 404”, Rosario, Argentina; “l’Electrofringe”, Newcastle, Australia; “l’Electronic Media”, Rio de Janeiro; “Salon Internacional de Arte Digital”, Cuba e ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui il “Jury Recommended Work” del Japan Media Arts Festival (Metropolitan Museum of Photography, Tokyo 2004), per un progetto di poesia interattiva per bambini.

Inanimate Alice è il primo di una serie di episodi da realizzare. L’opera narra la vita di una giovane ragazza cresciuta agli inizi del XXI secolo attraverso il suo website, i blogs e gli episodi di avventure multimediali sonore, che accompagnano il navigatore dall’infanzia di Alice fino ai suoi vent’anni. Inanimate Alice è un’opera interattiva, creata per porre l’accento sulla “sensitività elettronica” e sulle vaste potenzialità della contaminazione generata dalla Rete.

Il Premio per l’arte digitale 2005, rivolto a tutti gli artisti italiani e stranieri nati dopo il 1 gennaio 1970 è stato bandito nel mese di settembre con scadenza il 31 ottobre 2005, e si è concluso con la ricezione di oltre 50 tra progetti e opere realizzate provenienti da 7 Paesi diversi. Il tema dell’edizione 2005 è la “Net Art” ovvero l’arte che utilizza Internet come strumento di creazione artistica.

Il premio è stato assegnato dalla Giuria composta da: Paolo Colombo, Curatore MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, Anna Mattirolo, Direttrice Dipartimento Arte Contemporanea della DARC – Direzione generale dell’architettura e delle arti contemporanee, Maria Vittoria Marini Clarelli, Soprintendente della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, Peter Weibel, Direttore dello ZKM – Zentrum für Kunst und Medientechnologie di Karlsrühe, Christine Van Assche, Curatrice del Centre Georges Pompidou di Parigi, Eleonora De Filippis, Curatrice indipendente, Elena Giulia Rossi, Curatrice indipendente.

L’opera vincitrice sarà presentata in occasione di una cerimonia ufficiale, promossa dal Distretto dell’Audiovisivo e dell’ICT di Roma, avrà luogo il 21 febbraio 2006 presso la Sala del Tempio di Adriano in Piazza di Pietra a Roma e sarà permanentemente ospitata sui siti internet del Museo e dei partner dell’iniziativa ai seguenti indirizzi:
http://www.fondazionerosselli.it

Info:
Relazioni istituzionali e Comunicazione DARC
Lorenza Bolelli – Tel. 06 58434850, fax 06 58434856

Link: http://www.darc.beniculturali.it

Email: lbolelli@darc.beniculturali.it

Fonte:Ministero per i Beni Culturali

ROMA : Una memoria per domani – Seminario ARENOTECH.

Palazzo Venezia, Roma – Sala Alinari – 14 ottobre 2005

PROGRAMMA:

Introduzione : L’avventura di un decennio
·10h 00 : Laura Garcia-Vitoria (présidente d’ARENOTECH), MOSAIC, dix ans d’une vie…
·10h 15 : Francesca Bocchi (Université de Bologne), Le projet NUME

I – I nuovi orizzonti
·10h 30 : André Jean-Marc Loechel (Président du Réseau européen des Villes Numériques)
Notre nouveau rapport aux images du territoire
·11 h : Isidro Moreno (Professeur à l’Université Complutense, Madrid) Musas y nuevas tecnologias.

II – I nuovi supporti
·Il contenitore intelligente
11h30 : Laurent Boissin (Ormigas – Musée de Hyers), Lo sviluppo del virtuale
12 h : Valentin Lefevre (Total Immersion)

12 h 30 : Dibattito

III – Un nuovo sviluppo
15h : Laura Garcia Vitoria, Présidente d’ARENOTECH
Les nouveaux outils de construction des savoirs patrimoniaux – Le patrimoine au cœur de défis épistémologiques nés des infotechnologies
·La mobilità
15H 30 : France Telecom, Recherche&développement, Pedro Uria-Recio
·La diffusione
16h : Annalisa Pelizza, Telestreet
16h 15 : Andrea Michelozzi (Communicare Digitale)Digital City TV
16h 30 : Zelko Wiener, Media : Art et Ursula Hentschlager, PhD : Une réalisation d’artistes à Vienne

IV : I nuovi centri di competenza per il patrimonio virtuale in Europa
·17 h : Alain Spack : Centre culturel de l’Abbaye de Fontevraud
·17 h 15 : Sylvie Roussel-Gaucherand, conservateur en Chef, Service de documentation et d’information – Conseil général du Val de Marne
·17h 30 : Maurizio Forte (CNR) : un lieu d’expertises pour l’archéologie virtuelle à Rome
·17 h 45 Conclusion : L’avenir, Maria Rita Delli Quadri (Fondation Civita).

18 h : Dibattito

18 h 30 : Visite de l’exposition ‘Construire la Rome antique’.

NAPOLI: Re.Mu.Na” primo portale sui musei di Napoli.”

Nasce ‘Re.Mu.Na’, la Rete dei Musei Napoletani, e permetterà a chiunque, stando davanti al proprio computer, di visitare virtualmente tutti gli enti, i musei, le esposizioni, i monumenti e gli archivi partenopei.

La ‘RE.Mu.Na.’ è il nuovo sistema informatico, messo a punto dall’Istituto di cibernetica Caianiello del Cnr, per rendere fruibile e interrogabile via internet tutto quello che rappresenta arte e cultura napoletane, compreso il centro storico della città. Basterà un clic del mouse e, ad esempio, le porte del Museo di Capodimonte, della Certosa di San Martino e dei palazzi storici, si apriranno allo studioso d’arte o al turista curioso di visitare i tesori di Napoli.

Il progetto è stato proposto dal Comune, finanziato dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, realizzato dall’Istituto di cibernetica Caianiello (Icib) del Cnr. La sua creazione ha coinvolto diciotto enti che, grazie a questo nuovo sistema informatico, potranno organizzare in maniera rapida ed efficiente i documenti da mettere in rete, dando maggiore visibilità e accesso non solo al loro patrimonio culturale, ma anche alle informazioni di servizio e agli eventi organizzati.

“Collegandosi al sito www.remuna.org – spiega Mario Mango Furnari del Cnr – l’utente non solo potrà visitare la città, con le sue chiese e palazzi, ma avrà anche la possibilità di compiere a distanza ricerche sul patrimonio culturale attraverso una semplice interrogazione con chiavi di lettura”.

Fonte:Il Giornale

NAPOLI: Re.Mu.Na” primo portale sui musei di Napoli.”

Nasce ‘Re.Mu.Na’, la Rete dei Musei Napoletani, e permetterà a chiunque, stando davanti al proprio computer, di visitare virtualmente tutti gli enti, i musei, le esposizioni, i monumenti e gli archivi partenopei.

La ‘RE.Mu.Na.’ è il nuovo sistema informatico, messo a punto dall’Istituto di cibernetica Caianiello del Cnr, per rendere fruibile e interrogabile via internet tutto quello che rappresenta arte e cultura napoletane, compreso il centro storico della città. Basterà un clic del mouse e, ad esempio, le porte del Museo di Capodimonte, della Certosa di San Martino e dei palazzi storici, si apriranno allo studioso d’arte o al turista curioso di visitare i tesori di Napoli.

Il progetto è stato proposto dal Comune, finanziato dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, realizzato dall’Istituto di cibernetica Caianiello (Icib) del Cnr. La sua creazione ha coinvolto diciotto enti che, grazie a questo nuovo sistema informatico, potranno organizzare in maniera rapida ed efficiente i documenti da mettere in rete, dando maggiore visibilità e accesso non solo al loro patrimonio culturale, ma anche alle informazioni di servizio e agli eventi organizzati.

“Collegandosi al sito www.remuna.org – spiega Mario Mango Furnari del Cnr – l’utente non solo potrà visitare la città, con le sue chiese e palazzi, ma avrà anche la possibilità di compiere a distanza ricerche sul patrimonio culturale attraverso una semplice interrogazione con chiavi di lettura”.

Fonte:Il Giornale

ROMA: Net Art – Premio per l’arte digitale 2005.

Pubblichiamo il bando di concorso del Premio per l’arte digitale 2005, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici), dalla DARC – Direzione generale per l’architettura e l’arte contemporanee, e dal MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, in collaborazione con la Fondazione Rosselli. Il tema di quest’edizione è dedicato alla Net Art.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Dipartimento per i beni culturali e paesaggistici), la DARC – Direzione generale per l’architettura e l’arte contemporanee, il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, in collaborazione con la Fondazione Rosselli, bandiscono l’edizione 2005 del Premio a concorso per l’arte digitale. Il concorso assegnerà un premio di cinquemila euro all’opera (edita o inedita) o al progetto giudicato migliore.

Il tema della prima edizione del premio per l’arte digitale è la Net Art. Il concorso è dedicato ad artisti che utilizzano Internet come strumento di espressione creativa. L’opera o il progetto premiato sarà presentato sui siti del MAXXI, della Fondazione Rosselli e di eventuali partner del Premio, scelti a discrezione del MAXXI e della Fondazione Rosselli, che sosterranno l’iniziativa.

Il concorso è aperto a tutti gli artisti italiani e stranieri nati a partire dal 1° gennaio 1970.La domanda di partecipazione va inviata, tramite posta (farà fede il timbro postale), entro il 31 ottobre 2005 al seguente indirizzo: Premio per l’arte digitale 2005 – Net Art, MAXXI Museo, via Guido Reni 2, 00196 Roma; oppure consegnata a mano (dalle 11.00 alle 16.00, dal martedì al venerdì) entro l’8 novembre 2005, alle ore 16.

L’annuncio del progetto o dell’opera vincitrice sarà pubblicato sui seguenti siti web:http://www.darc.beniculturali.it e http://www.fondazionerosselli.it entro il 31 dicembre 2005.

Entro il 28 febbraio 2006 il vincitore dovrà consegnare l’opera alla Segreteria del Premio, che ha sede presso il MAXXI (coordinamento generale: Gaia Battaglioli, tel. 06-3210181, fax: 06-32101830, email: maxxiarte4@darc.beniculturali.it ). In caso di selezione di un progetto, entro questa data, il vincitore dovrà pertanto produrre e consegnare l’opera come da progetto presentato in concorso. L’Amministrazione si riserva la facoltà di modificare, previa comunicazione, la data di consegna se ciò dovesse rendersi necessario in relazione alle esigenze organizzative.

Entro il 31 marzo 2006 gli enti promotori del concorso si impegnano a presentare l’opera vincitrice sui rispettivi siti web e in eventuali spazi fisici, attraverso i canali e secondo le modalità che riterranno più opportuni.

Quanto alla documentazione necessaria per la partecipazione al concorso, i candidati dovranno inviare in un’unica busta:
n.1 documento cartaceo con la “domanda di partecipazione” debitamente compilata (scaricabile in formato RTF);
n. 1 documento cartaceo con il “curriculum vitae”, a firma autografa, con autorizzazione al trattamento del dati personali ai sensi della legge 675/96, che evidenzi soprattutto l’attività degli ultimi cinque anni. Nel curriculum devono essere specificati data di nascita, indirizzo, recapito telefonico, indirizzo e-mail del concorrente;
n. 1 documento cartaceo con la ‘descrizione dell’opera o del progetto’ con specificate le modalità tecniche di realizzazione e i requisiti tecnici per la sua fruizione;
CD-Rom contenente: i documenti di cui sopra su files ‘Microsoft Office Word’ versione 2003 o precedenti, ed eventuali immagini a corredo del progetto e dell’opera su file Jpeg RGB o Tiff RGB con risoluzione a 300dpi.
n.1 fotocopia del documento di identità.

La documentazione cartacea non dovrà superare la lunghezza complessiva di quattro cartelle di 2.500 battute ciascuna. La documentazione pervenuta non sarà restituita ed entrerà a far parte dell’Archivio di documentazione del MAXXI.

La Giuria, riunita in seduta non pubblica, procederà alla selezione delle opere e dei progetti presentati in concorso, selezionando tra questi un’opera o un progetto vincitore. Nel valutare i candidati, prenderà in considerazione il valore artistico del progetto o dell’opera presentati, oltre alle qualità artistiche del concorrente riscontrabili nella sua esperienza passata.

La Giuria è così composta:
Paolo Colombo, Curatore MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma;Anna Mattirolo, Direttrice del Servizio arte contemporanea, DARC;
Maria Vittoria Marini Clarelli, Sovrintendente alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, Roma;
Peter Weibel, Direttore ZKM, Karlsruhe, Germania;
Christine Van Assche, Centre Georges Pompidou, Parigi, Francia;
Eleonora De Filippis, Curatrice, Roma;
Elena Giulia Rossi, Curatrice, Roma.

La proprietà intellettuale e il copyright delle opere premiate è dei concorrenti, i quali potranno presentare l’opera secondo le modalità che riterranno più opportune, con l’unico obbligo di menzionare la committenza nel seguente modo: ‘Premio per l’arte digitale 2005, MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo e Fondazione Rosselli’. Il Ministero per i Beni e le attività culturali, la DARC, il MAXXI e la Fondazione Rosselli si riservano il diritto di presentare le opere e di pubblicare parti di esse a scopi di promozione culturale.

Fonte:CulturalWeb