MILANO. Giuseppe De Nittis a Palazzo Reale. Grande mostra del pittore dall’animo francese.

Palazzo Reale di Milano dedica per la prima volta una grande monografica di 90 opere a Giuseppe De Nittis, pittore che è stato, insieme a Boldini, il più grande degli italiani a Parigi e la cui notorietà è esplosa alla Biennale di Venezia del 1914.
In programma dal 24 febbraio al 30 giugno 2024, la mostra De Nittis. Pittore della vita moderna – con prestiti provenienti tra gli altri dalla Pinacoteca di Barletta, intitolata al pittore, che ne conserva un eccezionale numero a seguito del lascito testamentario della vedova Léontine De Nittis – intende ricostruire l’avventura pittorica di questo artista che si è sempre sentito profondamente parigino di adozione.
Come i francesi, poi, ne ha affrontato i temi, come il paesaggio, il ritratto e la rappresentazione della vita moderna, catturata lungo le strade delle due metropoli da lui frequentate, in quegli anni – seconda metà dell’Ottocento – grandi capitali europee dell’arte: Parigi e Londra.
“L’unicità della sua pittura”, scrive il curatore Fernando Mazzocca in catalogo, “che si confronta con quella degli Impressionisti e non ne esce ridimensionata, sta proprio nella straordinaria capacità di osservazione che gli ha consentito di rendere, come pochi altri, l’inafferrabile dinamicità della città moderna, caratterizzata dall’ ‘imprevisto, il mutevole, ciò che è fuga’, fermandolo nell’ attimo, come i fotografi, senza irrigidirlo”. Un viaggio nel mondo immaginato da questo pittore, scomparso a 38 anni.

Autore: Claudia Giraud

Fonte: www.artribune.com, 17 feb 2024