VENEZIA. Vittore Carpaccio – Tre capolavori restaurati.

Come noto le Gallerie dell’Accademia conservano l’unico ciclo completo di teleri musealizzato ed il maggior nucleo di opere dell’artista. Le tre tele di Vittore Carpaccio: Sangue del Redentore (1496), Apparizione dei crocifissi del monte Ararat nella chiesa di Sant’Antonio di Castello (1512-13) e la Crocifissione e apoteosi dei diecimila martiri del monte Ararat (1515), erano le ultime tre opere che mancavano per completare la revisione dell’intero nucleo dell’artista di proprieta’ del Museo. Grazie al prestigio della Soprintendenza ed alla fama delle Gallerie dell’Accademia i restauri sono stati finanziati con generosi contributi privati: l’Apparizione da Banca Intesa nell’ambito del progetto ‘Restituzioni 2006′, la Crocifissione e apoteosi con un lascito testamentario della rinomata storica dell’arte americana Rona Goffen, infine il Sangue del Redentore a spese del comitato privato Save Venice Inc., California Chapter.

I primi due dipinti provengono dalla distrutta chiesa di Sant’Antonio di Castello, mentre la terza venne ritirata, anch’essa durante le soppressioni napoleoniche, dalla chiesa di San Pietro Martire di Udine. Se i due dipinti di Venezia sono sempre stati esposti alle Gallerie dell’Accademia, il Sangue del Redentore e’ rimasto in deposito presso i Civici Musei di Udine dal 1924 fino all’attuale intervento di restauro, diventando cosi’ per i veneziani quasi un inedito. Alla fine della mostra l’opera tornera’ in deposito temporaneo a Udine, ed e’ questa un ulteriore stimolo per vederla alle Gallerie.

Anche in queste tele Carpaccio rivela le sue eccezionali capacita’ di narratore, le sue complesse ed originali ricerche prospettiche, l’attenzione lenticolare per i dettagli, la straordinaria capacita’ narrativa mediata tra cronaca e invenzione, esaltati dall’attuale restauro. Lo stesso Vasari descrivendo la Crocifissione e apoteosi scriveva: ‘Fece meglio che trecento figure, fra grandi e piccole: ed inoltre, cavalli ed alberi assai, un cielo aperto, diverse attitudini di nudi, e vestiti molti, scorti, e tante altre cose; e si puo’ vedere che egli non la conducesse se non con fatica straordinaria’. La stessa che Carpaccio profonde nei suoi dipinti, tra i quali questi capolavori oggi restaurati.

Info:
Gallerie dell’Accademia di Venezia, sala XXIII – Campo della Carita’, Dorsoduro 1050 – Venezia.
Fino al 4/3/07
tel.  041 5222247

Fonte:Undo.net