TREVISO. CANALETTO Venezia e i suoi splendori.

Alla Casa dei Carraresi di Treviso, infatti, dal 23 ottobre prossimo, fino al 5 aprile 2009, una sfilata di autentici capolavori racconterà, come mai è stato fatto finora, la vicenda artistica di Antonio Canal detto Canaletto e quella del Vedutismo veneziano, uno dei fenomeni artistici più significativi del Settecento europeo.
La mostra, promossa da Fondazione Cassamarca ed organizzata da Artematica, con il patrocinio della Città di Treviso, dalla Provincia di Treviso e della Regione Veneto, è curata dai maggiori esperti a livello internazionale di Canaletto (1697-1768) e della pittura veneziana del Settecento, e presenterà un centinaio di opere del maestro veneziano e dei più rilevanti esponenti del Vedutismo, quali Luca Carlevarijs, Bernardo Bellotto, Francesco Guardi e Michele Marieschi, provenienti dai musei e istituzioni pubbliche e private fra le più importanti del mondo come
il Rijksmuseum di Amsterdam, la Gemäldegalerie di Berlino, la Gemäldegalerie di Dresda, la Galleria degli Uffizi di Firenze, il Musée du Louvre di Parigi, l’Alte Pinakothek di Monaco di Baviera, il Metropolitan Museum di New York, lʼErmitage di San Pietroburgo, il Museo del Prado di Madrid, la Galleria Nazionale d’arte Antica di Roma, l’Ashmolean Museum di Oxford, il Kunsthistorisches Museum di Vienna, il Museo Pushkin di Mosca.
Negli ultimi quindici anni non sono mancate mostre, anche importanti, su alcuni pittori o su specifici aspetti della loro produzione (Van Wittel, Bellotto, Canaletto giovane, Guardi). Lʼintento dellʼiniziativa di Treviso è, però, diverso e più ambizioso: riunire in un’unica occasione le opere di tutti i pittori che si sono impegnati in questo genere durante il Settecento.
Sono passati più di quarantʼanni dalla grande mostra di Palazzo Ducale a Venezia (1967), la prima e unica volta in cui si è tentato un’operazione analoga. In quellʼoccasione fu esposta una selezione di opere quanto mai eterogenea che comprendeva oltre alle tradizionali vedute di Venezia, anche capricci di fantasia, veri e propri paesaggi (Marco Ricci), vedute dellʼentroterra (le ville di Guardi, le vedute di Dolo di Canaletto, solo per fare degli esempi), quadri con prospettive e architetture, e le vedute delle città europee di Bellotto o quelle inglesi dello stesso Canaletto.
La selezione delle opere esposte in Casa dei Carraresi sarà in questo senso estremamente rigorosa. Si è deciso di presentare (nonostante le numerose difficoltà) solo vedute, attenendosi senza eccezione alla purezza semantica del termine e allo stesso tempo scegliendo il luogo eletto per questo genere di rappresentazioni.
La protagonista della mostra sarà, infatti, Venezia; un’opera d’arte essa stessa celebrata dagli artisti del Settecento nel suo più fulgido splendore.
Nessuna città è mai stata un soggetto tanto importante da rappresentare, ancora oggi, agli occhi di chiunque, il Vedutismo.
Come indica il titolo, lo spazio maggiore sarà dedicato a Canaletto, ovvero l’artista che si identifica con il genere, grazie un gruppo di dipinti selezionatissimi, veri e propri capolavori, eseguiti durante tutta la sua lunga carriera.
Tra le opere esposte, si segnalano alcuni quadri giovanili, spettacolari nell’inquadratura e dall’incredibile valore luministico come Il Campo San Giacometto e soprattutto Il Canal Grande dal Palazzo Corner Spinelli concessi dalla Staatliche Gemäldegalerie di Dresda. Il secondo in particolare, una tela bellissima, una delle prime vedute del pittore, rappresenta un Canal Grande dilatato a dismisura, nel quale si animano macchiette dal sapore picaresco. Ancora, l’audace panoramica del Bacino di San Marco dalla Giudecca di Upton House, in Inghilterra, unʼaltra tela
dall’impostazione grandiosa realizzata dall’artista non ancora trentenne.
Chiude questa prima parte l’imponente dipinto raffigurante con Ingresso solenne del conte di Gergy a Palazzo Ducale dellʼErmitage di San Pietroburgo, le cui sole dimensioni ne fanno un’opera unica.
Una menzione a due dipinti che ritornano in Italia dopo quasi trent’anni. Si tratta di due delle quattro vedute eseguite da Canaletto per il mercante tedesco Sigmund Streit oggi alla Gemäldegalerie di Berlino, forse i suoi capolavori della maturità, fra cui il suggestivo Notturno con la Vigilia di San Pietro di Castello: un quadro ‘magico’, la cui semplice inquadratura prospettica è trasfigurata dai riverberi della luce lunare che si irradiano sugli edifici e sulle barche.

Accanto a questi lavori non mancano altri lavori squisiti, di minori dimensioni ma dal raffinato valore esecutivo, alcuni dei quali esposti quarant’anni fa a palazzo Ducale (la tela di Vienna, Kunsthistorisches Museum) e altri per la prima volta nel nostro paese (il dipinto della National Gallery di Dublino e quello del museo Cognac-Jay di Parigi).
L’Italia ha fatto la sua parte grazie a importanti prestiti provenienti, tra gli altri, dalla Galleria degli Uffizi di Firenze, dal Castello Sforzesco di Milano, dalla Galleria Nazionale dʼArte Antica di Roma e dal FAI.
Anche gli altri artisti sono rappresentati in maniera esemplare: il visitatore potrà ammirare la migliore antologia di vedute veneziane dipinte da Luca Carlevarijs e Michele Marieschi, opere di assoluta qualità, alcune delle quali mai espose in Italia e soprattutto mai accostate le une alle altre.
Van Wittel sarà documentato dalla veduta del Museo del Prado, esordio del vedutismo in laguna, datata 1696, e dalla tela proveniente da una prestigiosa collezione romana, anche questa per la prima volta presentata al pubblico.
Volendo coniugare spettacolarità e valore scientifico, accanto agli indiscussi capolavori dei grandi maestri si è deciso di presentare una sezione dedicata ai cosiddetti minori, che tiene conto delle novità e degli studi di questi ultimi anni. Saranno presenti con poche ma selezionate opere (di sicura autografia) pittori come Jacopo Fabris, Pietro Bellotti, Francesco Tironi, Antonio Joli, Bernardo Canal, Antonio Stom, Johan Richter, il Maestro della Langmat.
Chiuderà la mostra Francesco Guardi.
Circa venti opere, anche in questo caso solo vedute veneziane, che coprono lʼintero arco della sua produzione. Le provenienze sono di nuovo illustri: le Gallerie dell’Accademia di Venezia, il Metropolitan Museum di New York, il Louvre di Parigi e alcuni musei meno noti che possiedono delle vere e proprie ‘perle’ del pittore: Albi e Tolosa.
Da segnalare che gli organizzatori hanno deciso di rivolgersi quasi esclusivamente a grandi musei nazionali e internazionali, malgrado le ulteriori difficoltà che questa scelta avrebbe comportato. Il risultato è un percorso che raccoglie capolavori di 40 musei nazionali e internazionali.

Info:
Catalogo Marsilio.
Orari: Martedì, mercoledì, giovedì: 9.00 – 19.00; Venerdì, sabato, domenica : 9.00 – 20.00; Lunedì: chiuso
Biglietto intero: 12,00 € – Incluso noleggio audioguida.
Biglietto ridotto: 9,00 €
Studenti universitari fino ai 26 anni con tessera o libretto universitario,tesserati TCI, tesserati ARCI, over 60, componenti gruppi. Incluso noleggio audioguida.
Biglietto ridotto speciale: 6,00 €, età fino a 18 anni non compiuti. Noleggio audioguida non incluso.
Ingresso gratuito: bambini fino ai 5 anni, disabili con accompagnatore.
Visite guidate e gruppi Solo su prenotazione.
Visite guidate per gruppi da 15 a 25 persone: € 90,00 + biglietto singolo partecipante € 9,00. È previsto un ingresso gratuito per il capogruppo.
Le visite guidate sono effettuate con l’ausilio di un sistema radiomicrofonico il cui costo è compreso nell’importo indicato. Per i gruppi con guida propria, il costo dell’affitto obbligatorio del sistema radiomicrofonico è di 70,00 €. Visite guidate estemporanee a richiesta su disponibilità del personale: € 10,00 a testa + costo biglietto d’ingresso.
Scuole: Solo su prenotazione.
Visite guidate per gruppi da 15 a 25 alunni: € 40,00 + biglietto singolo alunno € 6,00.
Laboratori didattici da 2 ore (visita guidata + laboratorio): € 70,00 + biglietto singolo alunno a € 6,00.
Sono previsti due ingressi gratuiti per gli accompagnatori.
Visite esclusive: Possibilità di effettuare visite esclusive con guida personale.
La vendita dei biglietti sarà sospesa un’ora prima della chiusura della mostra.
Apertura straordinaria: 8 dicembre 2008
Chiusure straordinarie: 24, 25 e 31 dicembre 2008; 1 gennaio 2009
Guardaroba: Singoli € 1,00, Gruppi € 10,00
Non sono ammessi passeggini e zaini porta bambini all’interno della mostra.
Non sono ammessi animali in tutti i locali della mostra
Altri servizi: Al piano terra di Casa dei Carraresi sono presenti bookshop e servizio audioguide.
Informazioni
Dal lunedì al venerdì ore 9.00 – 13.00 / 14.30 – 18.00
Artematica: 0422.542854
Casa dei Carraresi: 0422.513150

Pagamenti tramite vaglia postale (non si accettano vaglia online), bonifico bancario e carta di credito. Carte accettate: Visa e Mastercard.
È previsto un diritto di prevendita di 1,50 € sui biglietti prenotati, con esclusione delle scuole.

Link: http://www.artematica.tv

Email: info@artematica.tv