TORINO. Natura morta con fiori e oggetti e conferenze.

Esposizione del dipinto di Massimo d’Azeglio “Natura morta con fiori e oggetti” e calendario di conferenze in occasione di:
ACQUISTA CON NOI UN PEZZO DI STORIA. Sostieni la raccolta fondi per riportare a Torino il servizio in porcellana dei d’Azeglio. Palazzo Madama – Piazza Castello, Torino
 – Mercoledì 20 febbraio 2013, ore 17:
Enrica Pagella, Direttore di Palazzo Madama e Cristina Maritano, conservatore del museo per le raccolte di Arti Decorative, saranno presenti in Corte Medievale per accogliere i visitatori in occasione dell’esposizione del quadro di Massimo d’Azeglio.
Palazzo Madama ha aperto una sottoscrizione pubblica per acquistare un importante servizio di porcellana di Meissen appartenuto alla famiglia Taparelli d’Azeglio, con un’iniziativa che per la prima volta in Italia coinvolge la cittadinanza in un’azione di restituzione e di risarcimento del patrimonio. Il servizio da tè e da caffè, datato 1730 e composto da 43 elementi che si sono conservati integralmente fino ad oggi, è riemerso alla storia dopo 100 anni di oblio e dopo tante peregrinazioni sul mercato antiquario. Verrà battuto all’asta da Bohams a Londra nel maggio 2013. L’aiuto della cittadinanza diventa quindi determinante per raccogliere entro marzo le 66.000 sterline (80.000 euro circa) necessarie per acquisire il servizio ed evitare che venga messo all’asta.
In occasione di questa importante iniziativa verrà esposto dal 20 febbraio al 31 marzo in Corte Medievale il quadro di Massimo d’Azeglio che raffigura una delle tazzine da cioccolata con stemma Taparelli, in prestito dalla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, non più esposto al pubblico dal 1995.
Nel pomeriggio del 20 febbraio alle ore 17 Enrica Pagella, Direttore di Palazzo Madama, e Cristina Maritano, conservatore del museo per le raccolte di Arti Decorative, saranno presenti in Corte Medievale per accogliere e spiegare  ai visitatori come la scoperta dell’esistenza del prezioso servizio di porcellane sia avvenuta proprio a partire dallo studio di questo dipinto del 1843.
A partire dal 19 febbraio Palazzo Madama propone inoltre degli incontri di approfondimento che si svolgeranno in museo e presso il Circolo dei Lettori, l’Auditorium della Biblioteca Nazionale e il Centro Studi Piemontesi.
Gli appuntamenti, durante i quali sarà possibile lasciare un contributo libero per la raccolta fondi, si svolgeranno secondo il seguente calendario:
Martedì 19 febbraio 2013, ore 18 – Circolo dei Lettori, sala Gioco – Via Bogino 9, Torino, UN’EREDITÀ DI PORCELLANA. IL SERVIZIO DELLA FAMIGLIA D’AZEGLIO, a cura di Enrica Pagella e Cristina Maritano
Il crowdfunding è un processo dal basso che coinvolge persone comuni nel finanziamento di organizzazioni o progetti. Palazzo Madama chiama a raccolta, impresa unica in Italia, la cittadinanza in un’operazione di restituzione e di risarcimento della memoria. L’obiettivo è l’acquisto di un servizio in porcellana di Meissen con gli stemmi della famiglia Taparelli d’Azeglio, da poco di nuovo all’asta. Enrica Pagella, direttore di Palazzo Madama, e Cristina Maritano, curatore delle raccolte di Arti Decorative ripercorrono le tappe di questa vicenda.
Ingresso libero fino esaurimento posti
Venerdì 1 marzo 2013, ore 18 – Circolo dei Lettori, sala del Biliardo – Via Bogino 9, Torino, PIEMONTESI NELL’EUROPA DELLE CORTI DEL SETTECENTO, Vicende e fortune di Pietro Roberto Taparelli di Lagnasco e di altri Piemontesi nelle corti d’Europa, a cura di Tomaso Ricardi di Netro
GLI AZEGLIO, TORINO E IL RISORGIMENTO, a cura di Silvia Cavicchioli. Tomaso Ricardi di Netro, responsabile dell’Ufficio Attività espositiva della Venaria Reale, affronta il tema della fortuna fuori dal regno sabaudo di vari esponenti delle famiglie nobili piemontesi del Settecento, tra cui i Taparelli di Lagnasco, mentre Silvia Cavicchioli, docente all’Università di Torino, illustra personalità e vicende dei membri della famiglia d’Azeglio nell’Ottocento e il loro ruolo nella costruzione del Regno d’Italia.
Ingresso libero fino esaurimento posti.
Martedì 5 marzo 2013, ore 17 – Palazzo Madama, Camera delle Guardie – Piazza Castello, Torino, CONFERENZA DEDICATA AI SOCI FAI NELL’ABITO DELL’INIZIATIVA ‘PUNTIAMO I RIFLETTORI‘, a cura di Enrica Pagella e Cristina Maritano. La partecipazione all’evento prevede un’offerta libera.
Giovedì 7 marzo 2013, ore 17.30 – Auditorium della Biblioteca Nazionale Universitaria – Piazza Carlo Alberto 3, Torino, UN’EREDITÀ DI PORCELLANA. IL SERVIZIO DELLA FAMIGLIA D’AZEGLIO. Appuntamento dedicato agli Abbonati Musei Torino Piemonte, a cura di Enrica Pagella e Cristina Maritano
Enrica Pagella, direttore di Palazzo Madama e Cristina Maritano, curatore delle raccolte di Arti Decorative, raccontano le vicende che hanno portato Palazzo Madama a tentare, per la prima volta in Italia, l’acquisto di un’opera d’arte con il sostegno della cittadinanza. Verrà ripercorsa la storia del prezioso servizio in porcellana di Meissen, con gli stemmi della famiglia Taparelli d’Azeglio: attraverso documenti e immagini alla scoperta del fil rouge che lega Torino e il prezioso servizio da tè, caffè e cioccolata.
Martedì 12 marzo 2013, ore 18 – Centro Studi Piemontesi – Sala Fondazione Savej – via Vela 24b, Torino, DIALOGO SU MASSIMO D’AZEGLIO, a cura di Georges Virlogeux e Virginia Bertone.
Georges Virlogeux, docente all’Università di Aix-en-Provence, curatore del monumentale Epistolario di Massimo d’Azeglio, e Virginia Bertone, conservatore della Galleria d’Arte Moderna di Torino, dialogano intorno al ‘quadretto di fiori’ che Massimo d’Azeglio dipinse nel 1843, inserendo una tazzina del servizio in porcellana di Meissen con armi Taparelli.
Ingresso libero fino esaurimento posti.

Info:
Orario esposizione del quadro di Massimo d’Azeglio: martedì-sabato 10-18; domenica 10-19.
Contribuisci con una donazione: http://www.palazzomadamatorino.it/crowdfunding/
Tel.  011 4433501 – sito www.palazzomadamatorino.it 
Ufficio Stampa: Daniela Matteu – Tanja Gentilini tel. 011 4429523 daniela.matteu@fondazionetorinomusei.it e ufficio.stampa@fondazionetorinomusei.it