TORINO. Canaletto e Bellotto. L’arte della veduta.

Per la prima volta a confronto le opere di Antonio Canal, detto il Canaletto e del nipote e allievo Bernardo Bellotto nelle sale di Palazzo Bricherasio, fino al 15 giugno 2008.

Grazie a prestiti provenienti da tutto il mondo, alla curatela di Bożena Anna Kowalczyk, uno dei massimi esperti del vedutismo veneziano, e alla felice intuizione della Fondazione CRT- senza il cui determinante sostegno la mostra non sarebbe stata realizzata – l’esposizione che apre il 14 marzo nelle sale di Palazzo Bricherasio si preannuncia già da ora come una delle piu’ importanti della stagione espositiva italiana.

Un progetto straordinario– – spiega Alberto Alessio, presidente della Fondazione Palazzo Bricherasio – –che si e’ potuto realizzare solo dopo averne parlato con il Professor Comba, presidente della Fondazione CRT; e’ solo grazie al loro intervento che il pubblico potrà ammirare i maggiori capolavori dei due piu’ importanti vedutisti veneziani.-

La rassegna e’ dedicata al rapporto artistico tra i due grandi Maestri, uno dei problemi piu’ affascinanti della storia dell’arte del Settecento. Per la prima volta, le opere di Canaletto e Bellotto saranno esposte le une a fianco delle altre, consentendo un immediato confronto fra stili, tecniche e composizione.

La sezione introduttiva e’ concepita per mostrare quei dipinti di Canaletto che hanno costituito una pietra miliare nell’apprendistato di Bellotto, quali due importanti vedute di Venezia provenienti dalle collezioni reali inglesi, mentre un gruppo di vedute veneziane eseguite dall’Allievo nelle prime fasi della sua carriera rappresenterà lo sviluppo dello stile e delle acquisizioni tecniche del pittore piu’ giovane a Venezia. La maggior parte di questi dipinti e’ stata tradizionalmente attribuita a Canaletto, mentre solo di recente sono stati riconosciuti come opera di Bellotto.
Le tele, che provengono da collezioni europee e americane pubbliche e private, saranno esposte per la prima volta insieme, offrendo un’opportunità eccezionale per studiosi e visitatori. In molti casi sarà possibile confrontare direttamente composizioni simili di Canaletto e Bellotto e apprezzare il talento precoce e l’importanza del ruolo dell’allievo nello studio di Canaletto, messo in particolare evidenza dai disegni preparatori.

La serie di vedute romane, opera del Maestro e dell’Allievo, costituisce una sezione importante della mostra, poiche’ fa risalire l’inizio dell’indipendenza di Bellotto al suo viaggio a Roma nel 1742. Le belle vedute di Firenze e Lucca mostrano il raggiungimento di uno stile proprio, di una tecnica e di una composizione peculiari.
Una delle maggiori ambizioni del Bellotto e’ quella di dipingere composizioni panoramiche. Queste aspirazioni furono realizzate per la prima volta nel 1745, con la commissione di due splendide vedute di Torino da parte di Carlo Emanuele III (1701-1773), Duca di Savoia e Re di Sardegna; in mostra sarà presente la Veduta del vecchio ponte sul Po a Torino concessa dalla Galleria Sabauda di Torino. Una serie di dipinti eseguiti nel 1744, immediatamente prima di raggiungere Torino – le vedute di Milano, Gazzada e Vaprio – illustrano il progresso graduale e significativo nell’espressioni artistica del Bellotto.

Nel 1746 Canaletto parte per Londra e l’anno successivo Bellotto raggiunge la corte di Dresda. Nel corso dei dieci anni di soggiorno in Inghilterra, Canaletto enfatizza la propria visione raffinata e poetica, sempre piu’ squisitamente decorativa e rococo’, mentre Bellotto, in qualità di pittore di corte a Dresda, Vienna, Monaco e Varsavia, esprime appieno la propria tendenza caratteristica verso il realismo e l’interesse per la natura e il paesaggio. Per la mostra e’ stata selezionata una serie delle opere piu’ significative della maturità dei due artisti.

Le origini comuni della pittura vedutista di Canaletto e Bellotto saranno enfatizzate, oltre che dalle diverse interpretazioni degli stessi temi, dalle composizioni panoramiche, dai paesaggi, dalle figure e dall’approccio ai capricci. Proprio a quest’ultimo genere sarà dedicata un’intrigante sezione della mostra, che evidenzierà la profonda relazione tra le composizioni dei due artisti in periodi diversi delle rispettive carriere.

La selezione di cinquanta disegni provenienti da collezioni pubbliche europee e americane – molti dei quali legati ai dipinti della mostra – illustreranno i procedimenti utilizzati nello studio di Canaletto, dagli schizzi della prima idea, agli studi delle composizioni o dei dettagli fino alla creazione della vedute finite. La serie completa di acqueforti di Canaletto e otto piccole prove di Bellotto cocludono la sezione grafica della mostra.

Il percorso espositivo, infine, sarà completato da una sala allestita con -vedute ottiche-, -mondi niovi- e -camere oscure- appartenenti alle Collezioni del Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Info:
CATALOGO  Silvana Editoriale
Ufficio Stampa Fondazione Palazzo Bricherasio  – tel 011.57.11.806
Vittoria Cibrario: v.cibrario@palazzobricherasio.it
Paola Varallo: ufficiostampa@palazzobricherasio.it

Palazzo Bricherasio  – Via Teofilo Rossi angolo Via Lagrange Torino
Lunedi': 14.30 – 19.30 – Da martedi’ a domenica: 9.30 – 19.30  – Giovedi’ e sabato: apertura serale fino alle 22.30.
L’ingresso e’ consentito fino a 1 ora prima della chiusura
BIGLIETTO: intero: € 7,50; ridotto: € 5,50 (gruppi, convenzioni, studenti fino a 26 anni, militari, over 65 anni); bambini: € 3,50 (da 6 a 14 anni).
Audioguide: singole – 3,50 – doppie – 5,00
Visite guidate (su prenotazione): – 80,00 fino a 25 persone. TELEFONO 011 5711811  – FAX 011 5711850

 

Fonte:Undo.net