TORINO. AVANGUARDIA RUSSA da Malevic a Rodcenko capolavori dalla collezione Costakis.

In mostra a Torino da Salonicco, per la prima volta in Italia, 300 opere della spettacolare collezione raccolta da George Costakis: l’uomo che, sfidando i divieti del regime stalinista, raccolse e salvò dall’oblio l’arte sperimentale russa del primo Novecento.
Ammirata e famosa a livello internazionale, giunge per la prima volta in Italia dal Museo Statale d’Arte Contemporanea di Salonicco – a Torino fino al 15 febbraio 2015,
nel centralissimo Palazzo Chiablese, spazio mostre del Polo Reale – un nucleo fondamentale dell’eccezionale collezione d’Avanguardia russa di George Costakis (1913 – 1970):
l’uomo che nella Mosca degli anni immediatamente seguenti la Seconda Guerra Mondiale, sfidando i divieti e gli ostracismi del regime stalinista, decise di raccogliere metodicamente testimonianze dell’arte sperimentale russa d’inizio secolo, salvando dalla distruzione e dall’oblio questa componente vitale della cultura del Novecento.
La mostra Avanguardia Russa. Da Malevic a Rodcenko capolavori dalla collezione Costakis, con circa trecento opere esposte – tra cui dipinti, guaches e acquarelli, lavori d’arte applicata, documenti e un nucleo di un centinaio di disegni sull’architettura costruttivista – si propone come una vera e propria esposizione enciclopedica dell’Avanguardia russa,
rappresentativa di tutti i principali movimenti del tempo (dal Nuovo impressionismo e simbolismo al Cubo futurismo, dal Suprematismo al Cosmismo), ricca dei capolavori dei maggiori artisti di quegli anni come Malevic, Popova, Rodcenko, Rozanova, El Lissitzky, Stepanova.
Un’immersione totale – curata da Maria Tsantsanoglou e Angeliki Charistou – per comprendere i cambiamenti radicali e rivoluzionari di quello che è stato definito da Camilla Gray “il grande esperimento” dell’arte del XX secolo.
Una mostra-evento dunque, mai realizzata nel nostro Paese e con tantissime “prime visioni”: esposizione di punta dell’autunno torinese, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo -Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte, dalla città di Torino, dal Museo Statale d’Arte Contemporanea di Salonicco con il Ministero della Cultura e dello Sport della Repubblica Ellenica, prodotta e organizzata da Skira Editore e Villaggio Globale International.
Ad accompagnarla un prezioso catalogo Skira, con testi di John E. Bowlt, Angeliki Charistou, Nicoletta Misler e Maria Tsantsanoglou.

Info:
Torino – spazio mostre Polo Reale, Palazzo Chiablese, fino al 15 febbraio 2015
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte
Paola Cremilli – Maria D’Amuri
tel. 011/5220.409 – e-mail: dr-pie.comunicazione@beniculturali.it