TORINO. Apre il MAO – Museo d’arte orientale.

Il Museo d’Arte Orientale fa parte, insieme con la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, con il Museo d’Arte Antica e con il Borgo Medievale, della Fondazione Torino Musei nata ufficialmente il 26 luglio 2002.

Questa nuova forma di gestione dei musei permette il coinvolgimento di altri enti pubblici e privati: i soggetti coinvolti dalla Città sono la Regione Piemonte, la Compagnia di San Paolo e la Fondazione CRT, istituzioni che sono chiamate a collaborare concretamente nelle scelte, nelle decisioni e nelle strategie di sviluppo del nuovo ente.

Il Comune di Torino ha messo a disposizione del nuovo museo il Palazzo Mazzonis, edificio di sua proprietà situato all’incrocio delle vie S. Domenico e S. Agostino e i lavori di ristrutturazione edilizia dovrebbero concludersi entro la fine del 2007.

La data di apertura al pubblico è stata fissata al 5 dicembre 2008.

La creazione del nuovo Museo d’Arte Orientale intende favorire una crescente presa di contatto della cittadinanza con le culture dei paesi dell’Asia attraverso la loro produzione artistica.

Lo spazio ostensivo disponibile sarà ripartito in cinque gallerie corrispondenti a cinque diverse regioni del grande continente asiatico: l’Asia Meridionale, articolata nelle distinte aree culturali del Gandhara, dell’India e del Sudest Asiatico; la Cina, culla di una multisecolare proteiforme civiltà artistica; la Regione Himalayana, fertile luogo di interazione delle culture indiana e cinese; il Giappone, sede di originali sviluppi nati dall’incontro con le culture d’Asia e d’Europa; i Paesi Islamici, testimoni di una straordinaria fioritura artistica estendentesi dall’Asia Centrale al Mediterraneo.

L’ordine di presentazione delle opere e il corredo didascalico previsto metteranno in evidenza i punti di contatto e le interazioni creative tra i diversi paesi.

LE COLLEZIONI

Gandhara
L’accezione geografica del termine Gandhara definisce un’area compresa fra Afghanistan e Pakistan nord-occidentale. Lo stesso termine designa la produzione artistica di ispirazione buddhista fiorita in quell’area tra il II secolo a.C e il V sec. d.C.

India
Sono comprese sotto questa voce opere di ispirazione induista e buddhista provenienti dal Kashmir, dall’India vera e propria, dal Pakistan Orientale e dallo Sri Lanka. Pietre, bronzi, terrecotte e dipinti su cotone coprono un intervallo che va dal II sec. a.C. al XIX sec.

Sudest Asiatico
La produzione artistica dell’area che comprende Thailandia, Birmania, Laos, Vietnam, Cambogia e Indonesia, pur riflettendo una forte l’influenza indiana, manifesta convenzioni iconografiche e caratteri stilistici che dipendono dalla storia culturale di questi diversi paesi. 

Cina
La storia millenaria della Cina e la sterminata estensione del suo dominio hanno generato una molteplicità di manifestazioni artistiche. Il carattere centralizzato delle sue strutture poltiche e l’organicità dei suoi modelli culturali consentono tuttavia di darne una rappresentazione largamente unitaria.

Giappone
La produzione artistica del Giappone rivela l’originalità degli esiti risultanti dall’incontro di una raffinata tradizione artigianale e di un quasi religioso rispetto delle qualità intrinseche dei materiali, con la disponibilità ad accogliere dall’esterno i frutti della più sofisticata elaborazione culturale.

Himalaya
L’arte dei paesi himalayani (Ladakh, Tibet, Nepal, Sikkim e Bhutan) presenta come tratto unificante la comune versione tantrica del Buddhismo da cui emerge una visione del mondo che investe di sé le architetture, le statue, i dipinti, i libri e gli strumenti rituali.

Islam
La sezione islamica del museo espone opere provenienti da Medio Oriente, Persia, Turchia e repubbliche ex-sovietiche dell’Asia Centrale. Le collezioni comprendono bronzi, ceramiche e manoscritti, dando particolare rilievo alla valenza estetica della calligrafia.

Info:
MAO – Museo d’arte Orientale – Via San Domenico 9-11  – 10122 Torino
Orari: da martedì a domenica: ore 10-18. Chiuso il lunedì. La biglietteria chiude un’ora prima.
Biglietto unico valido tutto il giorno per le collezioni permanenti e per le mostre temporanee: intero euro 7,50, ridotto euro 6,00
Hanno diritto alla riduzione:
– i visitatori di età superiore ai 65 anni;
– i visitatori in età compresa fra 10 e i 25 anni;
– i soci delle associazioni riconosciute dalla Fondazione Torino Musei;
– i gruppi di visitatori in numero minimo di 20 unità, previa prenotazione (un solo accompagnatore, con funzioni di referente, ha diritto all’ingresso gratuito).
Hanno diritto all’ingresso gratuito:
– i minori di anni 10;
– i visitatori diversamente abili e un familiare o altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza ai servizi di assistenza socio-sanitaria;
– le classi delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado pubbliche o private, previa prenotazione (gli accompagnatori delle scuole hanno ingresso gratuito nelle seguenti proporzioni: per la scuola materna ed elementare: 1 accompagnatore ogni 10 alunni o frazione di 10; per la scuola media di I e II grado: 1 accompagnatore ogni 15 allievi o frazione di 15) i gruppi di studenti di tutte le facoltà universitarie, delle accademie di Belle Arti e dei conservatori di musica in visita di studio previa prenotazione; la gratuità è estesa ai docenti accompagnatori;
– gli amministratori in carica degli Enti Fondatori;
– i direttori e conservatori dei musei italiani e stranieri; il personale dei ruoli direttivi del Ministero dei Beni Culturali;
– i dipendenti della Fondazione Torino Musei e della Divisione Servizi Culturali della Città di Torino;
– i giornalisti iscritti all’albo;
– le guide turistiche regolarmente abilitate all’esercizio della professione;
– i soci degli Amici della Fondazione Torino Musei e di altri musei convenzionati con eguali reciproche facilitazioni;
– i possessori di tessera ICOM valida per l’anno in corso.
Hanno diritto all’ingresso libero i possessori di Abbonamento Musei / Torino Card e di altri biglietti promozionali proposti dagli Enti Locali.
Servizi gratuiti: Guardaroba, deposito bagagli di piccolo formato.
Visite in gruppo: Prenotazione visite con guida autonoma e con guida del museo: tel. 011.4436928, dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 12,30
Supporti alla visita: Audioguide in noleggio all’entrata;
Pieghevole gratuito di orientamento per la visita alle collezioni permanenti e postazioni multimediali lungo il percorso di visita.
Guida breve in vendita presso la libreria del MAO.
Libreria del MAO – Museo d’Arte Orientale – Palazzo Mazzonis, piano terra
Tel 011.5211578- Fax 011.4358779.
Palazzo Mazzonis si trova nel centro storico di Torino. Le aree automobilistiche sono regolate da restrizioni e divieti.

Link: http://www.arteorientaletorino.it