SIENA: Invito a Palazzo Chigi Saracini – Le stanze ed i tesori della collezione.

Curatori: Carlo Sisi, Enrico Colle, Paola Barocchi, Antonio Paolucci e Bruno Santi; coordinamento organizzativo: Donatella Capresi

A Siena, dopo due secoli, verrà aperta al pubblico una delle raccolte private più importanti d’Italia. Dal prossimo 23 gennaio fino al 15 giugno 2005 sarà infatti possibile visitare il Palazzo Chigi Saracini, oggi sede della prestigiosa Accademia Musicale Chigiana, vero e proprio scrigno di tesori grazie agli oltre dodicimila pezzi riuniti dal nobile Galgano Saracini e conservati nella dimora della nobile famiglia.

Nel 1806 Galgano apriva al pubblico degli amatori e degli allievi dell’Istituto di Belle Arti il ‘vago e superbo museo’ che aveva allestito nella sua splendida abitazione, un ‘piccolo castello’ medievale a pochi passi dalla Piazza del Campo.Grazie alla Fondazione Accademia Musicale Chigiana, alla Fondazione Monte dei Paschi di Siena e alla Banca Monte dei Paschi di Siena Spa, Palazzo Chigi Saracini torna ad aprire le sue porte ai visitatori, svelando ambienti che conservano non solo le testimonianze del gusto di varie epoche, ma anche gli straordinari tesori di una delle più importanti fra le raccolte d’arte italiane e straniere.

Il ‘museo’, inaugurato nel 1806, occupava quattordici stanze (divenute poi venti nel 1819) del palazzo gotico costruito nel Duecento dalla famiglia Marescotti, passato nel 1506 ai Piccolomini Mandoli e acquistato verso il 1770 dal padre di Galgano, Marco Antonio Saracini. Al suo interno, secondo gli indirizzi del collezionismo settecentesco, Galgano aveva esposto tele, fondi oro, statuette, bassorilievi, disegni, antichità etrusche e romane, maioliche ed anche preziose manifatture in avorio, legno e pietre dure.

In questa eclettica raccolta spiccavano i dipinti della quadreria dedicata soprattutto alla scuola senese (come testimonia la serie di capolavori dovuti a Sassetta, Domenico Beccafumi, Brescianino, Rutilio Manetti, Bernardino Mei etc.), nella quale non mancano tuttavia opere di maestri del calibro di Bernardo Strozzi e di Salvator Rosa.

In occasione della riapertura al pubblico del palazzo, nelle sale terrene, sarà allestita la mostra ‘Oltre la Scuola Senese’ a cura di Riccardo Spinelli. Dipinti del Seicento e del Settecento nella collezione Chigi Saracini': in questa sede saranno presentati capolavori di Salvator Rosa, Bernardo Strozzi, Simone Pignoni, Pier Francesco Cittadini e Sebastiano Conca, insieme con opere meno note o in gran parte inedite riemerse, dai depositi della collezione o rintracciate nei luoghi meno frequentati della dimora. Si è voluto così riprendere un progetto di valorizzazione del patrimonio della collezione Chigi Saracini che tra il 1986 e il 1992 promosse l’allestimento di ben cinque mostre che ebbero per protagonisti specifici nuclei della raccolta: i dipinti dei ‘primitivi’, la pittura senese cinquecentesca e barocca, la scultura e la maiolica.

Per celebrare la riapertura di Palazzo Chigi Saracini saranno accessibili per la prima volta al pubblico alcuni ambienti di palazzi privati, nei quali si respira ancora l’atmosfera della Siena del tempo di Galgano Saracini. E per chi vorrà approfondire la conoscenza del collezionismo ottocentesco in terra senese sarà possibile visitare il Museo Civico di Montepulciano che conserva la collezione di quasi duecento dipinti che appartenne al Primicerio della Cattedrale poliziana, Francesco Crociani (1782-1861).

L’iniziativa è promossa da Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Banca Monte dei Paschi di Siena, Fondazione Accademia Musicale Chigiana, con il Patrocinio dell’Amministrazione Provinciale e del Comune di Siena e con la collaborazione Direzione Regionale dei Beni Culturali della Toscana, Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico per le Province di Siena e Grosseto, Fondazione Musei Senesi.

‘Invito a Palazzo Chigi Saracini. Le stanze e i tesori della collezione’ è a cura di Carlo Sisi e Enrico Colle, guida Silvana Editoriale

‘Oltre la Scuola Senese. Dipinti del Seicento e del Settecento nella collezione Chigi Saracini’ è a cura di Riccardo Spinelli, catalogo Spes

‘Francesco Crociati: appunti per un collezionista’ è a cura di Gabriele Fattorini e Roberto Longi, catalogo Fondazione Musei Senesi

Siena, Palazzo Chigi Saracini, Via di Città 89
orario: tutti i giorni (compresi lunedì e festivi): 9.00 – 19.30
Biglietti: intero euro 9,00, ridotto euro 7,00 scuole euro 4,00
Il biglietto comprende l’ingresso e la visita guidata alla galleria, al piano nobile del Palazzo Chigi Saracini e alla rassegna Oltre la scuola senese. La visita viene effettuata con l’assistenza di guide professionali in gruppi composti da un massimo di 25 persone e ha una durata di circa 1 ora e 30 minuti, con partenza ogni 15 minuti. (sabato e domenica) ogni 30 minuti ( tutti gli altri giorni). Su richiesta, e per gruppi di 25 persone, è possibile prenotare la visita in lingua francese, tedesca e inglese. L’accesso ai disabili è possibile solo su prenotazione da effettuare almeno tre giorni prima della visita presso la segreteria della mostra. Guida al Palazzo Chigi Saracini: Silvana Editoriale

Catalogo ‘Oltre la scuola senese. Dipinti del Seicento e del Settecento nella Collezione Chigi Saracini': S.P.E.S. Studio per Edizioni Scelte.

Catalogo ‘Francesco Crociani: appunti per un collezionista': Fondazione Musei Senesi

Segreteria: Laura Bonelli, Milena Pagni c/o Accademia Musicale Chigiana – Via di Città 89, 53100 Siena – Tel. 0577 246928 Fax 247874- e-mail: segreteriamostra@chigiana.it

Ufficio Stampa: Agenzia Freelance – Sonia Corsi, Natascia Maesi – Tel. 0577 219228 – 0577 272123 Fax 0577 247753 – e-mail: sienanews@iol.it

Email: relazioni@chigiana.it

Fonte:Exibart on line