ROMA. Fontana di Trevi a pezzi cadono frammenti di cornicione.

Alcuni frammenti di stucchi sono caduti a terra dal cornicione laterale sinistro di Fontana di Trevi. I pezzi staccati dall’alto a pochi metri dal passeggio di turisti e i romani, hanno riservato una brutta sorpresa alla città sabato notte e lanciato l’allarme per i Beni Culturali.
LA SCENA DEL MARE – Fontana di Trevi, la più grande e forse la più celebre delle fontane della capitale, ha perso dei pezzi dalle decorazioni poste sopra i finestroni laterali di sinistra della scenografia del mare che vede al centro la statua del Dio Oceano e ai lati le statue della Salubrità e dell’Abbondanza.
La Fontana progettata nel 1731 dall’architetto Nicola Salvi su commissione del papa Clemente XII, raccorda influenze barocche, soprattutto berniniane, al nuovo classicismo monumentale tipico del pontificato dell’epoca. Ma la fontana che si vede ora prese il posto di una precedente costruzione strettamente collegata a quella dell’acquedotto Vergine, che risale ai tempi dell’imperatore Augusto (I secolo d.c.) , quando Marco Vipsanio Agrippa fece arrivare l’acqua corrente fino al Pantheon ed alle sue terme.
«LA NEVE» – «Dalle prime ore della mattina di domenica sono intervenuti gli esperti per recuperare i frammenti, ricostruire l’accaduto e mettere in sicurezza l’area. «E’ un intervento dovuto» ha detto il sovrintendente ai Beni Culturali di Roma Capitale, Umberto Broccoli. «C’è qualche distacco degli stucchi, probabilmente è uno dei regali della neve caduta in febbraio a Roma». L’intervento di messa in sicurezza prevede transenne intorno alla parte interessata e il proseguimento dei lavori nella giornata di lunedì anche a destra della fontana. «Ho dato mandato agli uffici della sovrintendenza capitolina di intervenire immediatamente», ha dichiarato l’assessore alla Cultura di Roma Capitale, Dino Gasperini spiegando che l’intenzione è di «effettuare la realizzazione del restauro nel più breve tempo possibile.
I frammenti recuperati già sabato sera sono stati portati a Palazzo Braschi e l’area è stata messa subito in sicurezza – prosegue – Domenica mattina gli uffici di Roma Capitale sono intervenuti nuovamente per verificare la situazione attraverso l’utilizzo di un cestello elevatore e sono stati rimossi altri frammenti che non si erano ancora staccati dal monumento». Le operazioni, con la fontana priva d’acqua, riprenderanno lunedì domattina. «Ai lavori, anche in chiave previsionale, ho chiesto di dare naturalmente il carattere della somma urgenza e quindi di valutare non solo l’oggetto del distacco ma l’intero prospetto dell’opera. Vogliamo, dopo questa prima fase, andare fino in fondo ed effettuare la realizzazione del restauro nel più breve tempo possibile».

Fonte: Corriere della Sera.it, 10-06-2012