ROCCA SINIBALDA (Ri). Una grande Biblioteca per un piccolo paese.

Il Comune di Rocca Sinibalda e l’Associazione Angelo Di Mario hanno inaugurato la Biblioteca Angelo Di Mario.  La Biblioteca dispone di testi rari già inseriti in SBN dal MIBAC.
Una grande biblioteca per un piccolo paese, nel quale sono rimasti solo 40 abitanti. E’ un fatto insolito e una sfida quella di voler partire dal mondo del libro e della cultura per offrire una occasione di sviluppo.
A Vallecupola, frazione di Rocca Sinibalda, ha aperto i battenti  la Biblioteca Angelo Di Mario, non si tratta di una biblioteca ‘intestata ad uno scrittore’ da un ente pubblico, ma di una biblioteca privata realizzata con libri interamente di proprietà dell’autore stesso, significativi per ripercorrere il suo excursus artistico e linguistico e per tutti coloro che abbiano la necessità di consultare testi rari, soprattutto di linguistica, poesia e storia locale.
Appena aperta al pubblico la piccola biblioteca è stata già riconosciuta dal MIBAC (Ministero dei Beni Culturali) per la valenza dei libri e materiali d’archivio in dotazione, in particolare riferiti alle lingue antiche ed alla lingua etrusca.
La sezione di etruscologia ospita infatti volumi reperibili solo in grandi biblioteche statali, prendiamo ad esempio la Tabula Capuana: un calendario festivo di età arcaica / Mauro Cristofani. – Firenze : L. S. Olschki, 1995. – 136 p., [11] c. di tav. : ill, a Rieti e nel Lazio non è in dotazione in alcuna biblioteca, la troviamo a livello nazionale a Roma in strutture quali  la Biblioteca Nazionale centrale, invece il titolo Portugalenses… lumina mundi : incursioni nelle trincee della posicao portuguesa: anno accademico. – Roma : Libr. editrice E. De Santis, 1962 in Italia è presente solamente in quattro biblioteche, compresa la Biblioteca Di Mario, e cioè a Firenze, presso la Nazionale Centrale e a Roma, presso la Biblioteca della Società Geografica Italiana e la Nazionale Centrale.
In termini pratici vuol dire che chi effettua la ricerca in sbnweb (ricerca semplice) da qualsiasi luogo d’Italia trova questi titoli solamente in queste biblioteche e, essendo libri che non si possono dare in prestito, dovrà necessariamente raggiungere il piccolo centro.
Già sono pervenute richieste da studenti ed appassionati residenti nelle più svariate zone d’Italia e addirittura dall’estero: dalla Grecia, dalla Turchia e dall’Argentina.
Nella Biblioteca si potranno consultare anche i volumi pubblicati dallo studioso (quali ad esempio Lingua Etrusca: la ricerca dei tirreni attraverso la lingua, Iscrizioni Tirsene e Velsinie a confronto, La Lingua degli etruschi, Lingua etrusca), i numerosi articoli apparsi su riviste specializzate, ma soprattutto l’archivio, utile per ripercorrere i suoi studi, esaminare ossia il metodo particolare di Cinefonesi grazie al quale ha tradotto in maniera originale la lingua etrusca e il lineare Cretese A, mai tradotto finora.
Personalità poliedrica (poeta, scultore, etruscologo) Di Mario è nato a Vallecupola il 12 aprile 1925 dove riposa, nel piccolo cimitero, dal 21 agosto 2013; allo studio delle lingue antiche, grazie al quale ha ottenuto  riconoscimenti dall’Accademia Tiberina, dall’Accademia dei Lincei, il Primo Premio alla carriera nel 2011 dal Comune di Cortona, ma anche l’apprezzamento di noti linguisti come Giacomo Devoto,  si affianca una ricca produzione poetica,  che ha ugualmente ottenuto riconoscimenti, premi e recensioni di critici noti quali Luigi Tallarico, Gaetano Salveti, Maria Luisa Spaziani, Giorgio Bàrberi Squarotti.
La biblioteca accoglie anche i suoi 13 libri di poesia, le raccolte inedite e numerose riviste di poetica che potranno interessare appassionati e studiosi del settore.
“Disponiamo di circa 6000 pezzi, tra volumi e riviste, e nasciamo con l’obiettivo di continuare a promuovere l’opera di mio padre, ma anche di rivitalizzare il piccolo paese e il suo habitat naturalistico incontaminato e di  favorire la crescita e l’aggiornamento culturale dei cittadini dell’area che include la Valle del Salto e la Valle del Turano, e dei cittadini in generale in ambito regionale, nazionale ed internazionale, tramite l’accesso informatizzato alla documentazione posseduta ma anche attraverso l’organizzazione di momenti di lettura, presentazione di libri, organizzazione di conferenze e convegni che prevedano il coinvolgimento del mondo scolastico ed universitario – spiega la responsabile della Biblioteca Maria Grazia Di Mario –  vogliamo essere inoltre un centro informativo locale per chi transita sul territorio per fini turistici con lo scopo di promuoverne la storia e il patrimonio naturalistico locale, fondamentale l’obiettivo di tutela e valorizzazione della storia locale. Chiunque può frequentare la Biblioteca e utilizzarne le risorse e i documenti. Il lavoro di catalogazione ovviamente è appena iniziato grazie al supporto del personale degli Istituti Culturali di Roma, attualmente sono stati collocati mille titoli. E’ una vera sfida perché a Vallecupola sono rimaste poche persone, ma proprio attraverso iniziative di questo tipo si può sperare in una rinascita che parta dalla cultura e dal paesaggio. Vallecupola ha tutte le carte in regola per diventare una sorta di Calcata, meglio di Calcata, grazie alla cornice naturale che la accoglie in quella valle ‘Cubra’ la cui terminologia non nasconde origini arcaico – orientali. Mio padre sosteneva che in tempi antichi i Sabini adoravano un’antichissima dea orientale, detta Kubaba > Kubabasa, semplificata nella dea *Ku()pasa > *Cupara > Cubra, per diventare  anche ‘*Cubera > Cibele (onorata come ‘la Buona Madre’)’; anche a Roma ne esisteva il culto; quindi si può presumere che il nome del paese contenesse una variante fonetica di questa divinità, nel senso che potesse derivare dal teonimo CUBRA attraverso lo sviluppo fonetico compatibile: *CUBARA > * CUPORA > CUPOLA, dando l’esito VALLE CUPOLA, con i termini separati, come risulta da molti documenti antichi; oppure VALLECUPOLA, definizione recente”.
Insomma, viaggiare nei libri, e nei materiali di archivio, di Angelo Di Mario,  rappresenta anche una occasione per iniziare un viaggio avventuroso, alternativo e straordinario, nella storia di un territorio poco conosciuto e valorizzato.
Angelo Di Mario ha pubblicato centinaia di articoli su riviste specializzate e 5 libri sulla lingua etrusca, 13 libri di poesia, ha scolpito 500 sculture in bronzo e ceramica. Nel 2011 ha ricevuto un primo premio Speciale per i suoi studi sulla lingua etrusca dalla Città di Cortona, le sue sculture sono ospitate sul catalogo Mondadori degli Scultori italiani, le poesie hanno ricevuto premi e critiche dai critici più noti e qualificati, tra cui Giorgio Bàrberi Squarotti e Luigi Tallarico.

Info:
Giorno di apertura il sabato (orario continuato)
Via Sant’Antonio n. 1 Vallecupola di Rocca Sinibalda
Direttore Maria Grazia Di Mario – dimariomariagrazia@libero.it
e-mail: bibliotecadimario@libero.it – tel.cell. 3473628200