Quali mostre vedere in Italia questo inverno?

Prenotare un hotel o un b&b su portali come Expedia è semplice anche in inverno: meno facile è scegliere come passare il tempo, se è vero che alcune giornate particolarmente fredde o umide possono sconsigliare le escursioni nella natura o la classica passeggiata in centro. Una buona alternativa può essere visitare una mostra, e per fortuna questo inverno ce ne sono in programma di imperdibili, in tutta Italia!

Roma

Tra le tante esposizioni organizzate nella Capitale è obbligatorio segnalare Bacon, Freud, la scuola di Londra. Opere della Tate, in mostra al Chiostro del Bramante fino al 23 febbraio 2020: troverete oltre 45 opere (dipinti, incisioni, disegni) di artisti immigrati a Londra per sfuggire al Nazismo o alla povertà. Il MAXXI inaugura il 27 novembre una retrospettiva dedicata a Gio Ponti, architetto e designer di fama internazionale, mentre al Palazzo delle Esposizioni sarà possibile ammirare il lavoro di Carlo Rambaldi, maestro degli effetti speciali che lavorò a blockbuster come E.T. e Alien (22 ottobre – 6 gennaio).

Milano

Come sempre è in grande spolvero la Fondazione Prada, con l’esibizione Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori, curata da Wes Anderson e Juman Malouf per conto del Kunsthistorisches Museum di Vienna: fino al 13 gennaio 2020 saranno esposti 400 oggetti particolarmente curiosi, selezionati da un catalogo che conta più di 4 milioni di pezzi. Sempre alla Fondazione Prada è già possibile assistere alla mostra Training Humans (dal 12 settembre 2019 al 24 febbraio 2020), che raccoglie foto e video utilizzate dagli scienziati per insegnare ai calcolatori a conoscerci un po’ meglio; chi fosse invece interessato alla storia della Milano del boom economico potrà andare a Palazzo Morando per l’esposizione Milano anni ’60.

Nel resto d’Italia

I turisti che visiteranno Napoli avranno la possibilità di conoscere la vera essenza di Wharol all’omonima esposizione, che fino al 23 febbraio 2020 esporrà oltre 150 opere dell’artista, mentre la Casa dei Tre Oci di Venezia ha dedicato una personale a Ferdinando Scianna, il primo fotografo italiano a entrare nella prestigiosa agenzia Magnum. Interessante la mostra #FacceEmozioni, allestita al Museo del Cinema di Torino per raccontare la storia della fisiognomica – una disciplina pseudoscientifica che tenta di dedurre la psicologia e la moralità di qualcuno a partire dai suoi lineamenti –, mentre è stata prolungata fino ai primi di gennaio la mostra Antropocene, il nome che è stato assegnato all’epoca in cui ci troviamo a vivere: 35 foto in grande formato che raccontano l’impatto dell’uomo sul mondo.

 

Ph credit: https://www.chiostrodelbramante.it/post_mostra/bacon-freud-la-scuola-di-londra/