PORTO SAN GIORGIO (Ap). Opera grafica di Paolo De Santi.

Sabato 8 dicembre alle ore 18.00 presso la Sala ‘E.Imperatori’ – Via Oberdan – Palazzo del Turismo a Porto San Giorgio (AP), si terrà l’inaugurazione della personale dedicata all’opera grafica dell’artista Paolo De Santi. La rassegna proseguirà fino al 26 dicembre con orario 18 – 20.

Armando Ginesi – Critico d’Arte
…A volte ricorre al pretesto di antichi modelli iconografici che inserisce nella sua tematica, liberamente interpretandoli ed attualizzandoli in contesti ambientali tutti propri (marchigiani, appunto, e di solito più specificatamente urbinati); l’antico è come se funzionasse da punto fermo d’origine al quale riferirsi per sottolineare la convinzione che siamo (noi la natura, le piccole cose costruite) prodotti storici ed anche per allontanare la tentazione sentimentalistica di un vagheggiamento vano attorno ad una presunta perduta età dell’oro.
Paolo De Santi – è bene chiarirlo – non rincorre miti trascorsi ed obsoleti, non si imprigiona nell’equazione- il passato sta al bene, come il presente al male; egli più realisticamente afferma che alcuni valori del passato continuano ad avere il diritto di cittadinanza nel presente ed anzi costituiscono il legame fra ciò-che-è, determinando, in questo modo la storia.
Lo strumento di linguaggio peculiare dell’incisore è il segno: ebbene il segno di Paolo De Santi, decisamente di matrice urbinate, è “capriccioso e capillare” come ha osservato Francesco Carnevali, ed è dal suo capriccioso avvitarsi od espandersi o infittirsi o manifestarsi appena, che l’immagine si costituisce dandosi come fenomeno poetico.
Se il passato si annoda al presente, anche quest’ultimo si fa ponte con il futuro; perché Paolo De Santi con la poetica delle piccole cose, con l’affermazione che sopravvivono molti modesti valori troppo frettolosamente dichiarati estinti da taluni; indica in fondo soluzioni prossime di vita diverse da quelle ipotesi progettuali di un avvenire costruito su megalopoli frenetiche e brulicanti come
formicai; e dunque in questo senso, la sua “poesia” assume anche i connotati di precisa indicazione morale.

Giuseppe Nuciari – Assessore alla Cultura Comune di Porto San Giorgio
Paolo De Santi, incisore, pittore,  artista poliedrico. Urbinate d’origine, vive e opera da molti anni a Fermo dove ha insegnato discipline pittoriche nel locale Istituto d’arte. De Santi  ha rappresentato e rappresenta  una presenza artistica e una risorsa significativa per il nostro territorio,  che si è
espressa per lungo tempo anche nel campo teatrale. Scenografo e regista apprezzato, al suo nome sono infatti legate le fortune di compagnie teatrali e di eventi culturali importanti. E questo suo
amore per il teatro, per la scena, appare uno dei temi dominanti delle sue opere con le quali sembra voler riaffermare, poeticamente e forse con nostalgia, i valori di un mondo che non c’è più, che la
società di oggi frenetica e insensibile ha archiviato con troppa fretta.
Dopo aver esposto in molte gallerie italiane e straniere, ottenendo peraltro riconoscimenti e apprezzamenti, De Santi, a distanza di venticinque anni espone, a Porto San Giorgio. Una Città  che sta riscoprendo di essere un soggetto che fa e che promuove cultura, in ogni campo, compreso quello delle arti pittoriche, una città viva che vuole far partecipe della sua voglia di fare l’intero territorio.

Link: http://www.eventiculturali.org

Email: teatri@teatricomunicanti.it