ORTA SAN GIULIO (No). Arnaldo Pomodoro 16 sculture monumentali.

Tra le vie e nelle piazze dell’antico borgo che si affaccia sul lago d’Orta, sedici sculture monumentali di un grande protagonista dell’arte contemporanea L’iniziativa e’ il secondo appuntamento del progetto ORTISSIMA percorsidorta curato dall’associazione culturale OperaPrima.

Un grande evento d’arte che coniuga l’importanza delle opere esposte e la suggestione del luogo che le ospita e’ quello che si terrà a Orta San Giulio (Novara). Dal 6 luglio al 9 novembre 2008, infatti, le vie e le piazze dell’antico borgo che si affaccia sul lago d’Orta, ospiteranno sedici sculture monumentali di Arnaldo Pomodoro (Morciano di Romagna (RN), 1926), lo scultore italiano contemporaneo piu’ noto e apprezzato a livello internazionale, che ha recentemente ricevuto a San Francisco il -Lifetime Achievement for Contemporary Sculpture Award- da parte dell’International Sculpture Center e il premio -Uomo dell’anno 2008- del Museo d’arte di Tel Aviv.

Dopo Manzu’ – sottolinea il sindaco di Orta San Giulio, Stefano Cusinato – il nostro paese accoglie le opere di una grande protagonista dell’arte internazionale, Arnaldo Pomodoro, ricreando quel magico dialogo tra un borgo cosi’ suggestivo e la bellezza delle sculture monumentali. Un singolare progetto che permetterà di valorizzare non solo Orta San Giulio, che ne e’ la perla, ma tutto il bacino lacustre, offrendo ai numerosissimi visitatori, nazionali e internazionali, uno spettacolo di straordinaria armonia tra arte, paesaggio, storia e cultura-. L’iniziativa, nata da un’idea dell’Associazione Culturale OPERAPRIMA, presenterà una serie di opere scelte dall’artista che ripercorrono alcuni dei momenti piu’ rappresentativi della sua ricerca dagli anni Sessanta fino ai nostri giorni.

Molto si e’ scritto sull’arte di Pomodoro, da parte di autori italiani e stranieri, di storici e critici dell’arte e di poeti e scrittori. Le sue sculture affascinano perche’ permettono, nell’indagine delle forme e nello scavo dentro la materia che le costituisce, nella rivelazione della particolare struttura ‘molecolare’ che l’artista immagina, di gettare un ponte tra il passato e il presente, con una continua capacità di osservazione del reale e di collegamento allo ‘spirito del tempo’. Le opere di Arnaldo Pomodoro sono presenti in tutto il mondo in luoghi di grande suggestione e di importanza simbolica e ne scandiscono lo spazio. Hanno creato motivi e visioni che fanno parte del nostro immaginario collettivo, ispirando perfino scenari di cult movies, come Guerre stellari di George Lucas.

Accompagna l’iniziativa un catalogo pubblicato da OPERAPRIMA Edizioni d’Arte, con presentazione di Giorgio Verzotti e con numerose fotografie delle opere collocate nel percorso espositivo e suggestive immagini delle diverse fasi dell’allestimento. Il progetto ORTISSIMA percorsidorta nasce nel 2007 da un’idea dell’Associazione Culturale OPERAPRIMA con la volontà di garantire, già nel titolo e nella presentazione, una sequenza di eventi dedicati alla scultura monumentale all’aperto che porteranno ad Orta San Giulio i piu’ grandi nomi dell’arte del Novecento italiano e internazionale, come testimonia l’edizione del 2007, con l’esposizione dedicata a Giacomo Manzu’.

Note biografiche
Arnaldo Pomodoro e’ nato nel Montefeltro nel 1926, ha vissuto l’infanzia e la formazione presso Pesaro. Si trasferisce a Milano nel 1954. Le sue opere del Cinquanta sono altorilievi dove emerge una singolarissima -scrittura- inedita nella scultura. E’ passato al -tuttotondo- nei primi anni Sessanta e poi alla grande dimensione. Ha avuto molti premi per la scultura: a San Paolo nel 1963, a Venezia nel 1964, a Pittsburgh nel 1967, il Praemium Imperiale a Tokyo nel 1990. Nel 1992 l’Università di Dublino gli conferisce la Laurea honoris causa in Lettere e nel 2001 l’Università di Ancona quella in Ingegneria edile-architettura.

Numerosissime sono le sue esposizioni: alla Rotonda della Besana di Milano nel 1974 e al Forte Belvedere di Firenze nel 1984, fino a quella a Parigi nei Giardini del Palais-Royal nel 2002, nel centro cittadino di Lugano nel 2004 e lungo la cinta muraria di Paestum nel 2005. Inoltre esposizioni itineranti nei musei americani, ed in Europa, America, Australia e Giappone. Le sue opere sono in grandi piazze (Milano, Copenaghen, Brisbane, Los Angeles, Darmstadt), al Trinity College a Dublino, nel Cortile della Pigna dei Musei Vaticani, nel piazzale della Farensinaa a Roma, nel piazzale delle Nazioni Unite a New York e nelle raccolte pubbliche maggiori. Ha insegnato nei dipartimenti d’arte delle università americane: a Stanford, a Berkeley, al Mills College. Si e’ dedicato anche alla scenografia con –macchine spettacolari” in grandi occasioni teatrali italiane: da ultimo ha realizzato le scene e i costumi per l’opera -Teneke- di Fabio Vacchi, con libretto di Franco Marcoaldi, tratto dall’omonimo racconto di Yashar Kemal, messa in scena in prima assoluta al Teatro alla Scala nel settembre 2007, con la regia di Ermanno Olmi e la direzione di Roberto Abbado. Nel 1996 costituisce la Fondazione Arnaldo Pomodoro, che ha iniziato di recente la sua attività espositiva nella sua sede di Via Solari a Milano.


Info:
Centro storico Orta San Giulio (NO)
fino al 9/11/08   
tel 02 433403

Fonte:Undo.net