MILANO: Apre con una grande mostra la nuova sede della Fondazione Pomodoro.

La sede è delle più appropriate, gli enormi impianti, abbandonati da anni e appositamente ristrutturati, delle ex officine Riva & Calzoni, tra via Solari e via Savona a Milano: oggi cuore della vita artistica e creativa della città e fino agli anni Sessanta una delle sue principali aree industriali.

Qui, a partire dall’inaugurazione, il 23 settembre, aprirà infatti al pubblico la nuova casa della Fondazione Arnaldo Pomodoro (tel. 02 89075394), realizzata con il contributo di 3M e della Regione Lombardia: uno spazio più centrale e di maggior respiro rispetto alla vecchia sede di Rozzano, aperta nel 1999.

Nei 3500 metri quadrati di capannoni, emblema di una città dinamica e produttiva, fra i pilastri di ferro e i poderosi carriponte, troveranno sede permanente e saranno visibili a rotazione, le opere di Arnaldo Pomodoro, sicuramente uno dei pochi artisti contemporanei le cui sculture di grandi dimensioni ornino piazze e luoghi pubblici, in Italia e all’estero: pezzo forte della collezione, Ingresso nel labirinto, installazione in progress dell’artista in fibra di vetro trasparente.

Nei grandi ambienti troveranno ospitalità anche una biblioteca specialistica, bookshop, caffetteria e un ampio spazio per attività temporanee: mostre, sicuramente (la prima, che si inaugura proprio il 23 settembre, è dedicata alla scultura italiana del XX secolo), ma anche incontri, proiezioni e performance, in un “teatrino” sistemato dove un tempo c’era una pressa. Fra le attività della Fondazione, l’istituzione di un premio per giovani scultori: a maggio la premiazione, con una mostra, per la prima edizione.

Fonte:Qui Touring