GORIZIA: Ideazione allestimento e conservazione delle arti visive contemporanee.

Il Dams di Gorizia, dell’Università di Udine, amplia sempre più la propria offerta formativa specialistica sullo spettacolo e le arti con l’organizzazione di Master di secondo livello, dedicati cioè a diplomati con laurea specialistica o del vecchio ordinamento. Si sono già chiuse le iscrizioni per il Master in ‘Scritture per il Cinema / Sceneggiatura e Critica’, sono ancora attive le iscrizioni al Master ‘Progettazione, Economia e Gestione di Eventi dello Spettacolo’ (PEGES), giunto alla seconda edizione, e soprattutto al nuovo Master in ‘Ideazione, Allestimento e Conservazione delle arti visive Contemporanee’ (IACC).

Si tratta di una vera novità per il ‘Master di secondo livello in Ideazione, Allestimento e Conservazione delle arti visive Contemporanee’, realizzato in collaborazione con il Comune di Gradisca d’Isonzo e il Centro d’Arte Contemporanea Villa Manin.

Il Master IACC, della durata di un anno accademico, ha un valore di 60 crediti formativi universitari, ed è finalizzato alla formazione e di perfezionamento di figure professionali specializzate dotate di competenze innovative concernenti la mediazione culturale della ‘complessità’ del sistema dell’arte contemporanea (a carattere tecnologico) tanto rispetto agli aspetti ideativi, produttivi, organizzativi ed espositivi quanto riguardo agli aspetti concernenti l’archiviazione e la preservazione delle ‘opere’ di videoarte, videoinstallazioni e installazioni, performance, Net-art, Software art ecc.

Il corso si propone di formare, attraverso la preparazione teorica e attraverso l’analisi delle pratiche dei maggiori musei e gallerie d’arte, delle figure professionali che possano porsi come mediatori tra gli artisti e le organizzazioni d’arte per una più corretta preservazione, divulgazione e valorizzazione delle arti visive contemporanee. Le competenze acquisite riguarderanno dunque l’ideazione, la progettazione e l’attuazione di nuove modalità di presentazione ed allestimento; le strategie di preservazione, conservazione e restauro; il sapersi inserire attivamente nei processi economico finanziari, organizzativo gestionali e promozionali delle istituzioni dell’arte e della cultura, in sintonia con le esigenze del mercato contemporaneo dell’arte; la progettazione di nuove strategie di comunicazione; la pianificare, coordinazione e realizzazione di supporti audiovisivi analogici e digitali.

Gli ambiti professionali di possibile sbocco dello IACC riguardano: gallerie d’arte, fondazioni e musei attivi nella promozione ed esibizione delle nuove forme artistiche; festival e manifestazioni internazionali che si occupano di arte multimediale, elettronica, interattiva; enti ed istituzioni che si occupano di ricerca; enti e strutture pubbliche e private che si occupano di progettazione e realizzazione di eventi.

Lo IACC è realizzato in partnership con Ars Electronica di Linz, A.S.A.C. La Biennale di Venezia, LipanjePuntin Trieste-Roma, Marella Arte Contemporanea di Milano, Galleria Massimo Minini di Brescia; e con la partecipazione del Georgia Institute of Technology di Atlanta-USA, Kulturni Dom Nova Gorica, Kunstuniversität di Linz. Sedi del corso: Gradisca d’Isonzo e Gorizia.

I moduli disciplinari dello IACC, diretto dal prof. Leonardo Quaresima, vedranno un totale di 440 ore, e saranno divisi in:
I. Arte della contemporaneità, contemporaneità dell’arte (120 ore);
II. Tecnologie, strumenti, materia e codice (120 ore);
III. Modelli cognitivi e psicologici della fruizione (40 ore);
IV. Management, economia e aspetti giuridici dell’arte (80 ore);
V. Comunicare e promuovere l’arte contemporanea (80 ore).

Nel contesto delle attività di studio si procederà alla costituzione di:
a) un ‘osservatorio’ su manifestazioni ed esposizioni artistiche nazionali ed internazionali;
b) un ‘osservatorio’ sulle pratiche di fruizione dell’arte;
c) un ‘atelier’ dove le attività didattiche e seminariali si tradurranno in concreti programmi espositivi aperti al pubblico da realizzarsi sul territorio in collaborazione con il Centro d’Arte contemporanea Villa Manin e il Kulturni Dom di Nova Gorica;
d) un laboratorio di preservazione e restauro del film e del nastro magnetico;
e) un laboratorio sull’interazione tra arte e tecnologia a cura del Georgia Institute of Technology di Atlanta.

Parte integrante dello IACC sarà l’attività di stage (300 ore) che consentirà di applicare in contesti operativi (musei, gallerie, istituzioni d’arte, festival ecc.) le competenze tecnico professionali maturate.
La domanda di ammissione deve essere presentata entro il 20 febbraio 2006 alla Ripartizione Didattica-Sezione Servizi agli Studenti e ai Laureati – via Mantica 3, 33100 Udine, tel 0432/556680.
Per ulteriori informazioni e per scaricare i moduli per l’iscrizione: www.uniud.it

Si informa inoltre che la Regione Friuli Venezia Giulia-Direzione Centrale Lavoro, Formazione, Università e Ricerca, promuove interventi a sostegno della partecipazione ai Master attraverso lo strumento del ‘voucher formativo’, che opera con l’abbattimento della quota di iscrizione richiesta per la frequenza ai Master medesimi. Informazioni su www.formazione.regione.fvg.it

Link: http://www.uniud.it

Email: masterdams@damsweb.it

Fonte:Exibart on line