FIRENZE: Raffaello Cellini ed un banchiere del Rinascimento. Il mecenatismo di Bindo Altoviti.

L’esposizione, realizzata in collaborazione con l’Isabella Stewart Gardner Museum di Boston, dove è già stata presentata con grande successo nello scorso autunno, illumina la figura di uno dei personaggi di maggiore spicco fra i committenti artistici del Cinquecento, il potente e ricchissimo banchiere papale Bindo Altoviti.

Membro di un’antica famiglia fiorentina, oggi estinta, Bindo Altoviti si trasferì giovanissimo a Roma dove costruì la sua fortuna e dove stabilì la sua dimora, pur mantenendo rapporti costanti con Firenze. La sua ascesa presso la corte papale iniziò durante il pontificato dei papi di casa Medici (Leone X e Clemente VII), per raggiungere il suo apice sotto Paolo III, dopo la cui elezione nel 1534 fu nominato alla massima carica di Depositario Generale della Camera Apostolica. La sua ostilità crescente al nuovo regime mediceo, e la contrapposizione a Cosimo I in nome degli ideali repubblicani, lo indussero infine a sostenere anche finanziariamente i fuorusciti fiorentini nella guerra di Siena: dalla loro disfatta nel 1554 derivò la confisca dei beni di Bindo in Toscana e il suo bando da ribelle nel dominio mediceo. Due anni dopo, nel 1556, l’Altoviti moriva con l’amarezza di vedere il trionfo del principato a Firenze e il tramonto definitivo degli ideali repubblicani nella sua città.

Prima della fine del secolo, a Roma, il Banco Altoviti chiudeva per bancarotta. Seguivano, nel tempo, le vendite e la dispersione delle sue collezioni, la distruzione dei suoi palazzi a Firenze e Roma e la scomparsa delle sue carte d’archivio.

Ma la memoria della straordinaria personalità dell’Altoviti è passata ai posteri soprattutto grazie ai ritratti che di lui fecero artisti famosi, a cominciare da quelli di Raffaello e di Benvenuto Cellini, che sono il fulcro della mostra e che da soli fanno di questa rassegna un’occasione da non perdere: quello giovanile, dipinto da Raffaello verso il 1512 (National Gallery di Washington), che torna in Italia dopo quasi due secoli, e il busto in bronzo che ritrae Bindo Altoviti in età matura, realizzato dal Cellini nel 1549, in America dall’Ottocento (Isabella Stewart Gardner Museum, Boston). A questi due capolavori si aggiunge il monumentale busto di Cosimo de’ Medici, pure del Cellini, che per la prima volta può essere visto a confronto con il ritratto di Bindo, secondo l’immagine che ciascuno dei due personaggi, fieramente avversi nella vita, volle dare di sé e tramandare ai posteri nelle durevoli forme del bronzo e attraverso il genio del medesimo scultore.

La mostra comprende altre importanti opere appartenute all’Altoviti: del Salviati, di Jacopino del Conte, di Girolamo da Carpi, di Jacopo Sansovino ricostruiscono quello che oggi resta delle collezioni dell’Altoviti e dei suoi speciali rapporti con gli artisti: fra questi Michelangelo, che gli fu amico e gli fece dono di un cartone per gli affreschi della Cappella Sistina, raffigurante l’Ebbrezza di Noè; e soprattutto Giorgio Vasari, che dipinse per lui ed affrescò la sua villa e il suo palazzo romano, come mostrano disegni, dipinti e documenti esposti.

Un aspetto interessante e meno noto, messo in evidenza dalle ricerche pubblicate nel catalogo, è infine l’interesse dell’Altoviti per la musica e l’ospitalità che egli offriva ad appassionati e cultori riuniti in un’accademia informale nella sua casa romana.

La mostra è a cura di Beatrice Paolozzi Strozzi e Maria Grazia Vaccari ed è corredata di un ampio catalogo (Electa) con contributi specialistici di molti studiosi italiani e stranieri.

Museo Nazionale del Bargello – Via del Proconsolo, 4 – 50122 Firenze – 0552654321

La mostra resterà aperta fino al 15 giugno 2004

Fonte:Exibart on line