AA.VV. Pittura murale del Medioevo lombardo.

Sottotitolo: Ricerche iconografiche (secoli XI-XIII) 
Testi di: E. Alfani, I. Bruno, V. Cavallaro, E. Lampugnani, P.Piva, B. Rossini, F. Scirea

Con questo libro si presenta al lettore una raccolta di saggi, fortemente innovativi sul piano storico-artistico, dedicati ai più importanti cicli di pittura murale dell’alta Lombardia (nei territori di Como, Lecco e Bergamo) fra l’anno Mille e il Duecento.
Si tratta di episodi fondamentali della pittura protoromantica e romanica, qui affrontati con un taglio principalmente iconografico, volto a identificare i rapporti fra i soggetti, la liturgia e la committenza. Ciò permette di evidenziare in modo chiaro quanto i soggetti delle pitture interagiscano sempre con l’edificio e la sua funzione e ne costituiscano la ‘necessaria’ integrazione. Questa prospettiva, centrale per un nuovo modo di fare Storia dell’Arte, è destinata ad affiancare la lettura stilistica, a correggerne gli errori cronologici, per giungere ad una strategia d’indagine ‘globale’ che sappia cogliere la novità dell’opera d’arte ed il suo contesto, lo stile e le sue ragioni.
Nel saggio introduttivo sono esaminati esemplarmente elementi iconografici di ‘lungo periodo’ nella pittura medievale lombarda individuandone anche le relazioni a ‘largo raggio’ fra Oriente e Occidente.
Per la prima volta è individuato il ‘programma’ sotteso alla famosa parete absidale di San Vincenzo a Galliano (Cantù): un’orazione funebre di Ariberto d’Intimiano tradotta in pittura.
I non meno noti e fondamentali cicli delle chiese di Civate (Lecco), da leggere in modo coordinato, sono interpretati sulla base del rapporto con lo spazio liturgico e la funzione del santuario (San Pietro al Monte), ma anche dell’esegesi biblica collegata alle istanze della riforma gregoriana (San Calocero).
Una novità assoluta sono gli affreschi bergamaschi di San Michele al Pozzo Bianco, di recente scoperti e non ancora studiati. Sorprendente è il riferimento ai mosaici delle cupole di San Marco a Venezia nella chiesa castrense o plebana di San Salvatore di Barzanò (Lecco), così come la ‘trascrizione’ in figura dei Santi le cui reliquie erano contenute negli altari in San Giorgio in Borgovico (Como): una nuova serie di indizi contribuiscono a datare gli affreschi di quest’ultima chiesa al XIII secolo e a ricostruire l’intero programma iconografico. 

Info:
Editoriale Jaca Book, Milano, Ottobre 2006 
pp. 208, con 110 illustrazioni in bianco/nero 
Prezzo: Euro 23,00 
ISBN: 8816-40752-2 

Link: http://www.jacabook.it

Email: serviziolettori@jacabook.it